Il Comune: “Una ripartenza garantita dai nuovi piani gestionali delle aree mercatali predisposti dall’amministrazione comunale”

Ingressi contingentati, varchi distinti per entrate e uscite, perimetrazione dell’area e sorveglianza più rigida. Dopo la pausa di una settimana, sabato 21 novembre torna a Cesena il tradizionale appuntamento settimanale con i mercati ambulanti del centro e dei produttori agricoli. A seguito dell’entrata in vigore, sabato 14 novembre, dell’Ordinanza regionale che mira a limitare gli assembramenti per contrastare la diffusione del Covid19, l’Amministrazione comunale di Cesena in questi giorni si è impegnata al fine di garantire una rapida e sicura ripartenza dei mercati.

“In questo percorso di adeguamento alle misure previste dall’Ordinanza – commenta l’Assessore allo Sviluppo Economico Luca Ferrini – essenziale è risultato il confronto con le Associazioni di categoria Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti, che ringraziamo, con le quali abbiamo raggiunto soluzioni efficaci predisponendo un piano di sicurezza per tutti, operatori e frequentatori. Su queste basi, nella giornata di sabato, salvo imprevisti, si terranno i mercati del centro e dei produttori agricoli lungo il fiume Savio e da giovedì 26 novembre tornerà il mercato di Borello. Alla base delle misure che garantiranno il riavvio dei mercati, fondamentali per la nostra comunità e per tutti coloro che vi lavorano, troviamo la perimetrazione delle aree con apposite transenne o bandelle e la presenza di un varco di accesso separato da quello di entrata (alle persone con disabilità verrà consentito di entrare e uscire dal varco più vicino), come previsto dall’Ordinanza. Chiaramente tutti gli utenti dovranno indossare la mascherina e osservare il distanziamento interpersonale richiesto. Il Comune – prosegue l’Assessore – si impegna a sostenere tutti i costi relativi al rafforzamento della sorveglianza per verificare distanze sociali e il rispetto del divieto di assembramento nonché il controllo dell’accesso all’area di vendita”.

La nuova organizzazione della gestione delle aree mercatali inoltre prevede la predisposizione dei servizi igienici mobili a disposizione degli operatori del commercio ambulante.