L’intervento del Segretario Generale del Nuovo Sindacato Carabinieri Massimiliano Zetti

Il Segretario Generale del Nuovo Sindacato Carabinieri Massimiliano Zetti esprime solidarietà al carabiniere, appartenente ad un altro sindacato, che nel comunicare di aver assunto una carica sindacale regionale é stato oggetto di un tentativo di censura disciplinare da parte della Legione Carabinieri Basilicata.

Il comandante di quella Legione, ignorando evidentemente la normativa, scrive una lettera al Comandante Provinciale chiedendo di esaminare la posizione disciplinare del sindacalista. Cinque giorni dopo, quel comandante, si rimangia il contenuto di quella lettera, avendo forse ricevuto i giusti suggerimenti che lo hanno rimesso sulla retta via.

“Penso proprio – prosegue Zetti – che il signor Generale Di Stasio, Capo Ufficio Rapporti con le Associazioni Sindacali, abbia il suo bel da fare, ad indottrinare e a spiegare ad alcuni comandanti di Legione, che ignorano completamente la normativa vigente sulle relazioni sindacali, come ci si interfaccia con le associazioni sindacali, parti sociali terze. Una cosa è certa: se il tentativo (poi ritirato) di intimidazione fosse accaduto ad un nostro sindacalista, non sarebbe finita a tarallucci e vino, e ci saremmo rivolti nelle sedi giudiziarie opportune per tutelare il collega e mai lo avremmo lasciato solo”.