In questa prima fase sono stati aggiornati una dozzina di agenti che operano presso la Questura di Forlì e il Commissariato di Cesena

“Abbiamo seguito con molto interesse la conferenza stampa a seguito dell’inaugurazione ufficiale della riapertura dell’aeroporto Ridolfi”, dichiara Roberto Galeotti, Segretario Provinciale del SIULP, a cui hanno partecipato il Ministro dei Trasporti, i parlamentari locali, il direttore generale dell’ENAC, il presidente della Regione E.R., il presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi, le istituzioni e le amministrazioni locali.

“Gli investimenti economici della società di gestione “F.A.” sono stati molto importanti e tutte le parti in causa, in particolar modo la politica, questa volta hanno “remato” nella stessa direzione, al fine di superare i numerosi scogli che sembravano ormai insormontabili, soprattutto dopo diversi anni in cui inaffidabili imprenditori avevano investito solo con false promesse. Ora ci auguriamo un ritorno positivo riguardante anche l’indotto e la riassunzione dei tanti lavoratori interessati.”

Continua il Segretario del SIULP: “E’ chiaro che, come è stato sottolineato, l’emergenza Covid ancora in atto ha rallentato la pianificazione e la programmazione dei voli, ma si spera che al più presto la pandemia possa essere superata e si possa ripartire a viaggiare senza limitazioni.

Puntualizza però Galeotti: “Dopo aver risolto anche la questione dei Vigili del Fuoco, rimane solo un ostacolo da superare: la presenza della Polizia di Stato. Infatti, ora che l’aeroporto è diventato operativo, dovrà essere obbligatoriamente presidiato dalla Polizia, come previsto dalla normativa e a cui sono demandati in modo esclusivo i controlli di frontiera e di supervisione. In questa prima fase, sono stati aggiornati una dozzina di agenti che operano presso la Questura di Forlì e il Commissariato di Cesena, i quali sulla carta sono già operativi per essere impiegati al fine di permettere standard di sicurezza adeguati alle sempre più stringenti normative vigenti sulla sicurezza aeroportuale. Ma è bene ribadire che dovranno essere per forza sostituiti con rinforzi nei rispettivi reparti, in quanto l’organico della Questura e del Commissariato è da tempo in sofferenza e la mancata sostituzione vorrebbe dire il collasso, per esempio, del controllo del territorio, della sala operativa e dell’ufficio immigrazione”.

Chiosa il Segretario del SIULP Forlì Cesena: “Ci appelliamo, in questo momento di grande sensibilità e impegno, alle istituzioni coinvolte al fine di sollecitare immediatamente un considerevole incremento di personale della Polizia di Stato (almeno una ventina di nuovi agenti), al fine di continuare a esprimere, in ogni ambito, adeguate risposte ai sempre più elevati bisogno di sicurezza dei cittadini.