Il marito della signora è stato denunciato per l’impiego di manodopera clandestina


La Polizia di Stato ha segnalato alla Procura della Repubblica di Forlì un 78enne forlivese incensurato, ed una badante straniera 62enne, per reati inerenti la violazione della legge sull’immigrazione.

Il fatto è stato accertato a seguito di intervento della Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura presso l’abitazione del 78enne la cui moglie lamentava maltrattamenti da parte della badante. Gli agenti intervenuti non hanno accertato la corrispondenza ai fatti della segnalazione, poiché l’anziana non mostrava segni di maltrattamenti e neppure l’ambiente domestico deponeva in tal senso. Probabilmente la segnalazione era stata conseguenza delle condizioni psicofisiche della donna, trovata effettivamente in stato confusionale. Sul posto era presente anche il marito, che ha spiegato che la badante era da pochi giorni assunta in prova e che la moglie aveva dato in escandescenza senza una reale motivazione, probabilmente per l’aggravamento delle sue patologie connesse alla salute mentale. Durante l’identificazione delle persone è però emerso che la straniera si trovava in Italia senza regolare titolo di soggiorno, per cui è stata denunciata per il reato di clandestinità. Conseguentemente, anche il marito dell’anziana è stato denunciato, per l’impiego di manodopera clandestina.