Il bilancio

L’attività di controllo del territorio svolta dalla Polizia di Stato ad opera delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, intensificata attraverso la partecipazione di pattuglie provenienti dal Reparto Prevenzione Crimine “Emilia Romagna Orientale” di Bologna, ha portato in questa settimana alla denuncia di cinque persone, al ritiro di due patenti, alla segnalazione di tre soggetti che hanno violato gli obblighi relativi a prescrizioni imposte a loro carico dall’Autorità Giudiziaria ed infine una segnalazione all’Autorità Amministrativa di una giovane che è stata trovata in possesso di stupefacenti per uso personale.

Un giovane forlivese di 23 anni è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere poiché nel corso di un controllo stradale la Volante lo ha trovato in possesso di un machete nascosto sotto il sedile del conducente. L’arma impropria è stata sequestrata e nei suoi confronti è scattata la denuncia.

Un controllo svolto in orario notturno l’altra notte di un veicolo a bordo del quale vi erano due pregiudicati, ha portato alla denuncia del conducente per guida senza patente poiché revocata. L’uomo, un 58enne forlivese, è stato notato condurre la sua auto con fare sospetto, a bassa velocità, poco lontano dalla Stazione Ferroviaria. Gli agenti hanno quindi dato corso al controllo, verificando che nonostante la revoca della patente, determinata da pregresse violazioni, egli si era messo alla guida. L’auto è stata sottoposta a fermo amministrativo.

Nel corso di altri controlli, effettuati sui veicoli in transito, gli agenti delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale, coadiuvati anche da colleghi della Polizia Stradale, hanno ritirato due patenti di guida a carico di altrettante persone di nazionalità straniera, poiché pur essendo da anni residenti in Italia non avevano effettuato la conversione del titolo di guida.

Un 26enne di nazionalità senegalese, controllato nel parcheggio prossimo alla via dell’Argine in orario notturno, luogo segnalato dai residenti per schiamazzi e molestie, è stato denunciato per la violazione della legge sull’immigrazione, poiché al momento della sua identificazione non ha esibito agli agenti alcun documenti identificativo e comprovante la sua regolare permanenza sul territorio nazionale.

Un pregiudicato di nazionalità rumena di 49 anni, è stato denunciato per la violazione del divieto di reingresso imposto dal Prefetto di Pordenone con provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale. L’uomo è stato controllato in centro, mentre transitava lungo via Oberdan con un’auto con targa bulgara sulla quale trasportava moglie e figlia.

Tre giovani riminesi, pregiudicati, sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria poiché si trovavano in città violando gli obblighi imposti dalla magistratura nell’ambito di misure cautelari disposte a loro carico, che prevedono il divieto di allontanarsi dal Comune di residenza. I ragazzi erano appena giunti a Forlì e sono stati identificati nei pressi della Stazione Ferroviaria.

Una ragazza 28enne residente a Forlì è stata denunciata per furto con destrezza, e segnalata anche alla Prefettura per possesso di stupefacenti per uso personale. Il furto è avvenuto un paio di notti fa, in danno di uno straniero al quale la ragazza aveva chiesto il telefono per fare una chiamata urgente, ma appena ricevuto l’oggetto si è data alla fuga. Nei pressi stava transitando una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura che una volta appreso dell’accaduto si è messa alla ricerca della donna, che però nel frattempo si era disfatta del telefono, poi recuperato grazie al dispositivo di localizzazione GPS di cui era dotato. La vittima del furto, però, lamentava l’ammanco di 150 euro che erano nella custodia del telefono. Dopo qualche accertamento, gli agenti hanno capito chi potesse essere la giovane, che è stata rintracciata qualche ora dopo. In questa circostanza è stata trovata in possesso di un paio di grammi di hascisc ed uno di cocaina e degli strumenti per l’assunzione di droghe. Nei suoi confronti la doppia segnalazione, alla magistratura per il furto ed alla Prefettura per il possesso di stupefacenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è foto-machete-e-droga-1024x726.jpg
ll machete e lo stupefacente sequestrati