“Notizia tremenda. La perdita di un ragazzo che aveva davanti una vita intera e una carriera piena di soddisfazioni. L’intera comunità regionale vicino alla famiglia”

“Una notizia tremenda. La perdita di un ragazzo, Fabio, che aveva davanti una vita intera e una carriera piena di soddisfazioni, peraltro già caratterizzata da traguardi importanti, ci lascia tutti sgomenti. Un vuoto incolmabile, un grande dolore. Desidero stringermi alla sua famiglia, a cui vanno le più sentite condoglianze a nome dell’intera comunità regionale, così come esprimo vicinanza alla città di Castrocaro e alla Federazione italiana nuoto”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dopo la morte di Fabio Lombini, deceduto ieri a Nettuno, in provincia di Roma, a seguito dell’incidente che ha visto precipitare l’ultraleggero sul quale viaggiava insieme all’amico Gioele Rossetti, che pure ha perso la vita. Entrambi nuotatori, Fabio Lombini, 22 enne nato a Castrocaro (Forlì-Cesena) e atleta della GS Forlì Nuoto, faceva parte della Nazionale italiana ed era nella Capitale per allenarsi al centro federale di Ostia.