Il controllo è stato operato alle 00.30

La Polizia di Stato ha sanzionato quattro giovani tra i 22 ed i 24 anni, di etnia cinese, per la violazione delle disposizioni inerenti la “fase 2” relativa ai comportamenti da adottarsi per il contrasto della diffusione dell’epidemia COVID-19.

Le nuove disposizioni erano entrate in vigore appena da mezzora, poiché il controllo è stato operato alle 00.30 della nottata tra domenica e lunedì. Una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, nel corso della sua ordinaria attività di vigilanza, ha notato un veicolo proveniente da piazzale della Vittoria e che si stava immettendo lungo il viale Corridoni.

A bordo dell’auto, quattro persone, due maschi e due femmine. Il conducente, 24enne residente a Lugo di Romagna, ha cercato di giustificare la sua presenza in zona con la necessità di incontrare la compagna, 22enne residente a Forlì, seduta al suo fianco. Gli altri due occupanti, seduti posteriormente, anche loro una coppia di 24 e 22 anni, residenti a Forlì, non hanno saputo fornire una giustificazione adeguata circa la loro presenza in quell’orario dentro l’auto dell’amico, anzi nessuno di loro ha inteso consegnare la necessaria autocertificazione.

Per tutti è scattata la contestazione dell’illecito amministrativo che prevede il pagamento della somma di euro 533.33 (stante il fatto che la violazione è stata commessa mediante l’utilizzo di un veicolo), decurtata a 373.34 euro se pagata entro il termine previsto dei 30 giorni.