“Da un mese ospedali privati di Forlì in prima linea”

È passato oramai più di un mese da quando il Gruppo Ospedali Privati Forlì si è schierato in prima linea per affrontare l’emergenza sanitaria legata all’epidemia di Coronavirus: è da allora, infatti, che la clinica Villa Serena ha messo a disposizione del Sistema Sanitario Regionale 40 posti letto riservati a pazienti Covid che necessitano di ricovero e cure ospedaliere mirate.

Nel reparto Covid allestito in breve tempo all’interno della struttura, opera un’équipe dedicata e specializzata, formata da 30 tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari che quotidianamente assistono i pazienti Covid giunti a Villa Serena da altre strutture sanitarie o assistenziali del territorio. Tutto il personale è munito di camici e tute speciali, visiere, occhiali protettivi, guanti e mascherine, per operare nella massima sicurezza secondo procedure operative estremamente rigorose che riguardano l’ingresso, il transito e l’uscita, e che prevendono percorsi interni dedicati, tutto quanto necessario quindi per garantire la salvaguardia di utenti e operatori.

Sono stati inoltre introdotti dispositivi (termoscanner) e verifiche all’ingresso della struttura, anche se gli accessi al momento rimangono strettamente limitati e sono riservati al solo personale, in ottemperanza alle disposizioni del Ministero della Salute. 

“Come gruppo che fa parte integrante del sistema sanitario del territorio – afferma il dottor Luca Zambianchi, direttore sanitario e responsabile dell’emergenza Covid per Ospedali Privati Forlì – ci siamo subito messi a disposizione dell’Azienda sanitaria locale, per fornire tutto il supporto possibile nella gestione dell’emergenza, a partire dalla realizzazione di un reparto Covid dedicato all’interno di Villa Serena che resterà operativo fino a quando vi sarà la necessità di posti letto aggiuntivi rispetto a quelli del sistema ospedaliero. Nel reparto di Villa Serena i pazienti ospitati vengono accompagnati verso il recupero che sappiamo essere in media lungo 10 giorni. Solo negli ultimi tre giorni sono stati 11 i pazienti negativizzati a seguito del doppio tampone, due dei quali hanno già potuto fare ritorno al proprio domicilio. Un ringraziamento particolare – prosegue – va ai nostri operatori, medici e paramedici, che con grande professionalità e passione per il proprio lavoro hanno messo al servizio della comunità le loro competenze; così come dobbiamo ringraziare la Direzione Sanitaria dell’AUSL Romagna – Presidio ospedaliero di Forlì, nelle persone del dottor Paolo Masperi e del dottor Cesare Bini, per la continua collaborazione ed i confronti per affrontare l’emergenza in corso con protocolli condivisi; e il dottor Roberto Bandini, direttore del Dipartimento Igiene e Sanità pubblica di Forlì, per la collaborazione nella gestione dei tamponi e dei percorsi definiti”.

Nel frattempo, da lunedì 4 maggio riprenderanno progressivamente a Villa Igea e Villa Orchidee, così come al Centro Medico Cervia, le attività programmabili/ordinarie e non urgenti, sospese dai primi di marzo. Anche in questo caso, gli utenti potranno accedere alle strutture a seguito di accurate verifiche all’ingresso (rilevazione della temperatura e questionario anamnestico informativo). Per info: tel. 0543.419511 (Villa Igea) – 0543.454225 (Villa Orchidee) – 0544.964420 (Centro Medico Cervia).