Ha cucito 600 mascherine ad uso civile, in cotone, lavabili, in diverse fantasie e le ha vendute tutte devolvendo l’intero ricavato

Ha cucito 600 mascherine ad uso civile, in cotone, lavabili, in diverse fantasie e le ha vendute tutte devolvendo l’intero ricavato, 3000 euro, all’ospedale Bufalini di Cesena per l’emergenza Covid-19. E’ il gesto esemplare di Silvia Degli Angeli, titolare del negozio di hobbistica Jolly Casa di Cesena, che in queste settimane ha deciso di mettere a disposizione la propria abilità e il proprio tempo rendendosi utile per gli altri.

“Molte persone mi hanno aiutato – racconta Silvia – mia sorella, e mia nipote, mi hanno aiutato a cucire, mio cognato e alcune amiche, mi hanno aiutato a venderle”.

Un grazie di cuore a Silvia e a tutti coloro che hanno contribuito alla donazione, una dimostrazione di grande solidarietà e generosità.

Intanto la raccolta prosegue e Silvia, entusiasta del risultato, sta  continuando, per chi fosse interessato, a produrre mascherine per sostenere l’ospedale in questa emergenza che ancora non è finita.