Urgente la definizione di una governance del turismo per Forlì e l’entroterra romagnolo

Passaggio di consegne alla guida di CNA Turismo e Commercio, col presidente uscente Roberto Rambaldi, dimessosi per motivi personali, che ha consegnato il testimone a Francesco Ferro, che ricopre anche il ruolo di vicepresidente provinciale di CNA Forlì-Cesena. Si è tenuta nei giorni scorso l’assemblea del raggruppamento di interesse CNA Turismo e Commercio, che rappresenta in maniera trasversale tutte le imprese che operano nella filiera de turismo, dalla produzione ai servizi, che si è notevolmente rafforzata negli ultimi anni, in particolare riconoscendo nella valorizzazione del territorio un volano strategico di crescita, ad esempio per le aziende del comparto alimentare e dell’artigianato artistico e tradizionale.

L’assemblea è stata l’occasione per fotografare un contesto che va a due velocità: se nel turismo si registra un trend in costante crescita (+7% nel 2019 rispetto al 2018, con crescita per città d’arte e colline), il commercio conferma una contrazione delle imprese attive tradizionali (-7% dal 2009 a oggi), col progressivo aumento delle imprese di commercio on line “In questo scenario, i diversi filoni nei quali possiamo lavorare come marketing territoriale danno l’idea della ricchezza della nostra provincia – ha affermato il neo eletto presidente di CNA Turismo e Commercio, Francesco Ferro, nella sua relazione – pensiamo a Forlì come cultura e città del Novecento, Cesena città malatestiana, le terme, Cesenatico e il mare, l’entroterra e i borghi, Artusi e il patrimonio agroalimentare. Per quanto riguarda il commercio, gli ambiti di lavoro sono: i centri storici e le periferie, le sfide dell’innovazione digitale e la vendita on line, l’immagine dei due centri storici di Forlì e Cesena”.

“Il potenziale è enorme – ha proseguito Ferro – a partire dalla valorizzazione dei brand “Forlì-Cesena Cuore Buono d’Italia” e “Forlì, città di Caterina Sforza”, lanciato proprio nei giorni scorsi e donati da CNA all’amministrazione comunale. Per raccogliere questa sfida, però, è urgente la definizione di una governance del turismo per Forlì e l’entroterra romagnolo. A marzo scorso abbiamo lanciato un progetto interassociativo che punta a costituire rapidamente una DMO (Destination management organization) dell’entroterra romagnolo. È ora di passare ai fatti”.

Francesco Ferro è co-fondatore e direttore di Integra Solutions, società di 20 professionisti operante nel marketing e nella comunicazione. Tra i vari ambiti, l’azienda ha una specializzazione nel marketing territoriale e Ferro, negli ultimi vent’anni, ha gestito direttamente oltre 100 progetti per Enti regionali, Comuni, DMO/DMC e società di promozione territoriale tra cui Valle d’Aosta, Apt Emilia-Romagna, Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Province di Rimini e Ravenna, Comune di Ravenna. In ambito commerciale la società si è distinta per essere tra le prime attive in Italia nella consulenza e gestione dei Centri Commerciali Naturali con oltre 30 progetti realizzati per Comuni, Unioni e Consorzi di commercianti tra cui Modena, Forlì, Faenza, Lugo. È stato uno degli ideatori e tuttora gestore della Romagna Visit Card.

  

In allegato: foto di Francesco Ferro, neo eletto presidente di CNA Turismo e Commercio