La Polizia di Stato ha segnalato all’Autorità Giudiziaria un 40enne ed un 46enne di Sassuolo (MO), in ordine al reato di truffa in concorso, in danno di un forlivese 35enne. La vicenda riguarda il commercio on-line, e nello specifico la vendita di uno strumento musicale usato (un basso marca Fender) al prezzo di 500 euro, che uno degli indagati, il 40enne, aveva inserito in un annuncio su una piattaforma specializzata su internet.

La trattativa tra venditore e acquirente era proseguita con lo scambio di messaggi telefonici, con i quali veniva concordato il versamento anticipato di 270 euro su postepay, con la promessa del saldo alla consegna, concordata presso il domicilio del forlivese. Quest’ultimo, però, dopo avere versato il denaro, aveva continuato  le sue ricerche di strumenti musicali usati su internet, accorgendosi casualmente che le stesse foto dello stesso strumento per il quale aveva inviato la caparra, comparivano in un annuncio inserito da una diversa persona, per cui la contattava e scopriva che probabilmente qualcuno aveva creato un annuncio fittizio usando foto scaricate da un reale venditore inconsapevole. La conferma di essere vittima di un raggiro è venuta dalla successiva irreperibilità telefonica del suo interlocutore. Le successive attività di accertamento hanno portato ad identificare due emiliani residenti a Sassuolo, uno dei quali il reale autore del raggiro, l’altro invece concorrente poiché intestatario delle credenziali bancarie relative al conto di riferimento sul quale era stata versata la caparra e registrato come titolare della scheda telefonica usata per comunicare con i “clienti”. Il 40enne, tra l’altro, risulta già coinvolto in altri simili indagini, apparendo uno specialista delle truffe on-line e delle frodi informatiche, commesse negli ultimi due anni un po’ in tutta Italia. L’altro, invece, è apparso un prestanome utilizzato per cercare (invano) di sviare le indagini. La Polizia raccomanda di usare sempre la massima attenzione nell’effettuare acquisti on-line, essendo in forte crescita il fenomeno delle truffe, soprattutto in questo periodo di incremento del commercio in concomitanza delle feste natalizie.