“Anche oggi al lavoro per liberare l’Emilia Romagna”

“Hanno vinto la democrazia, la libertà e la volontà degli elettori umbri di voltare pagina, bocciando la classe politica conservatrice del Partito democratico e l’alleanza innaturale con il M5s, che ne esce devastato. Oltre 20 i punti percentuali di distacco di Donatella Tesei, candidata leghista della coalizione di centrodestra e oggi governatrice della Regione Umbria, dal candidato di Pd e M5s: una vittoria netta e schiacciante. A Donatella rivolgiamo i nostri più affettuosi e fraterni auguri e i complimenti per l’ottimo risultato”.

Questo il commento dell’on. Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, il giorno dopo le elezioni regionali in Umbria, che “hanno sancito l’ennesima sonora sconfitta delle politiche e delle scelte del Pd, che è certamente un partito ancora strutturato nei territori regionali, ma non ha il polso della situazione locale e nazionale ed è completamente scollato dai sentimenti e dalle vere necessità delle popolazioni, perfino dei suoi elettori. D’altra parte, è anche un partito devastato dalle lotte di potere interne, dalle scissioni, dall’autoconservazione di classi dirigenti obsolete e dalla falsa convinzione di essere la misura etica, morale e culturale del paese. Quanto ai 5 stelle, è evidente il fallimento dell’alleanza di un movimento ‘antisistema’ con il partito del ‘sistema’ per antonomasia. Gli elettori grillini non hanno evidentemente digerito questo tradimento e lo hanno esplicitato chiaramente. Quanto al successo indiscusso della Lega, appare evidente che il nostro progetto per il futuro del paese è condiviso dalla gente. Oggi è una giornata di festa per la democrazia, ma non possiamo fermarci: siamo al lavoro per liberare anche l’Emilia e la Romagna”.