Iinstallate sei fototrappole e individuati da Comune ed Hera 10 agenti accertatori

Il Comune di Cesena ha sottoscritto un contratto con una ditta specializzata al fine di sperimentare nuovi strumenti per il controllo e l’eventuale sanzione per chi conferisce in modo scorretto i propri rifiuti sul territorio. “Negli accertamenti delle violazioni – commenta l’Assessora alla Sostenibilità ambientale Francesca Lucchi – la Pm ha rilevato un aumento consistente del fenomeno della migrazione dei rifiuti. Molte persone, soprattutto lungo in confine tra Cesena e Bertinoro, abbandonano i loro rifiuti nel nostro territorio dai comuni forlivesi confinanti per sfuggire alle stringenti regole introdotte da altri gestori del servizio. È un fenomeno rilevante sia per gli ingombranti abbandonati sia per la mancata differenziata”.

A fronte del grande impegno e dell’interesse verso il tema del rispetto dell’ambiente che i cittadini cesenati stanno dimostrando concretamente (l’anno 2018 si è infatti chiuso con un bilancio del 68,5% di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani prodotti ed il lancio di Ecoself e delle raccolte domiciliari in centro storico stanno dando ottimi risultati), c’è chi continua ad assumere comportamenti scorretti e a conferire i propri rifiuti in modo casuale accanto ai contenitori. Tutto ciò rischia di creare degrado diffuso, dare adito a comportamenti emulatori e, soprattutto, genera maggiori spese pubbliche conseguenti al supplemento di servizi necessario a ripulire quanto abbandonato.

Il Corpo di Polizia Municipale nel 2018 ha elevato ben 176 verbali per infrazioni legate allo scorretto conferimento dei rifiuti e, dall’inizio dell’anno 2019, i verbali sono già 91. Il Servizio rifiuti del Comune ha monitorato costantemente la situazione, individuando le situazioni di maggiore degrado dove concentrare i controlli ed i servizi di pulizia. È stato inoltre completato il percorso per abilitare 10 ulteriori “agenti accertatori” tra i dipendenti del Comune e di HERA che hanno ricevuto la nomina da parte del Sindaco: queste nuove figure affiancheranno la Polizia Municipale negli accertamenti sul campo e potranno segnalare le infrazioni rilevate sul territorio. Infine, resta preziosissima la rodata collaborazione con le guardie giurate del Corpo delle Guardie Ecologiche Volontarie che esercitano attività di informazione, sorveglianza e accertamento di infrazioni sul tema della gestione dei rifiuti. Al fine dunque di ottimizzare e rendere ancora più capillare l’attività di sorveglianza, finalizzata a rintracciare “i furbetti”, il Comune si è dotato di un ulteriore strumento sperimentale: si tratta di 6 telecamere ad alta definizione e capaci di visione notturna che affiancano le altre in dotazione alla Polizia Municipale e saranno gestite per la parte tecnica con il supporto del servizio acquisito. “Ciò – prosegue l’Assessora Lucchi – renderà molto più presente l’occhio del Comune sul territorio e permetterà il controllo di molte più situazioni, oltre a permettere agli agenti di PM di procedere con maggiore speditezza all’attività sanzionatoria basata sui filmati provenienti dalle telecamere già posizionate”.