“A prevalere, nell’applicazione del provvedimento, sarà il buon senso”

“Nel leggere le dichiarazioni del capogruppo del Pd Soufian Hafi Alemani mi sono chiesto quanto rancore e quanto insofferenza alimenti le fila della sinistra forlivese considerato che per decenni, tendendo fede ai diktat di partito, non hanno fatto altro che abbarbicarsi nei palazzi del potere e ignorare con sufficienza politica le istanze della gente. Per i Verdi addirittura, la colpa del disagio cittadino ricadrebbe su Matteo Salvini, complice di dare il cattivo esempio e di istigare, con le sue vacanze marittime, l’abuso di bevande alcoliche tra giovani emeno giovani.”
A dirlo, con una punta di ironia, è il capogruppo della Lega in consiglio comunale Massimiliano Pompignoli nel commentare “le sterili proteste dell’opposizione che preferiscono non cogliere la natura urgente e contingibile del provvedimento sindacale e gli obiettivi di contrasto e prevenzione di fenomeni di inciviltà urbana e degrado cittadino che da mesi, complice l’abuso di alcol tra i più giovani, stavano rendendo alcune zone del nostro centro storico invivibili e sempre più insicure. Quello che sfugge al partito democratico e agli amici dei Verdi che evidentemente non solo non abitano il centro ma tantomeno lo frequentano, sono i numerosi accertamenti effettuati dalla Polizia locale e i tantissimi esposti pervenuti alle Forze dell’ordine circa l’aumento di situazioni di disturbo, inciviltà e imbrattamento di aree pubbliche che decine e decine di forlivesi hanno segnalato e dovuto sopportare in tutto questo tempo a discapito della quiete pubblica e del decoro cittadino. Voglio rassicurare le opposizioni; nessun pubblico ufficiale girerà per le strade del centro storico munito di ordinanza sindacale con l’intendo di sbirciare nella borsetta o nello zaino della Sig.ra Maria e confiscargli la borraccia. È chiaro che il fine del provvedimento è un altro e non ha nulla a che vedere con l’utilizzo, peraltro sporadico, di thermos di alluminio o la consumazione di un succo di frutta. Quello che mi spiace constatare è che la sinistra forlivese faccia finta di non capire e preferisca polemizzare piuttosto che convergere sulla natura dell’ordinanza e sulla necessità di trovare soluzioni concrete all’emergenza sicurezza e all’abbandono incontrollato di bottiglie e altri contenitori. Consiglio al Pd, ma anche ai Verdi, di andare a farsi una chiacchierata con alcuni degli esercenti di piazza Cavour, per capire la natura del disagio che questo strumento vuole contrastare piuttosto che farsi un giro a ridosso di piazza XX Settembre, lungo via Allegretti o nei pressi del chiosco di San Mercuriale. Se invece di scrivere fesserie aprissero gli occhi” – chiosa Pompignoli – “capirebbero di cosa stiamo parlando. Il fatto è che a Forlì è cambiata l’Amministrazione e, casomai se ne fossero dimenticati, sono cambiate le priorità di chi governa questa città. Pd e compagni se ne facciano una ragione. Questa Giunta è al servizio dei forlivesi, e non cederà al passo a chi invece era abituato a servirsi dei cittadini per soddisfare esigenze di dubbia legittimità”.