Fridays For Future: “Primo mattone dal quale partire”

Soddisfatto il gruppo Friday For Future, perché il Comune di Forlì ha finalmente ammesso la crisi climatica ed ambientale, senza però dichiarare l’emergenza..  “Il Consiglio Comunale – si elgge in una nota del gruppo – ha votato all’unanimità un testo condiviso, che riprende gran parte delle nostre richieste e impegna il Sindaco e la Giunta ad azzerare le emissioni nette di gas climalteranti entro il 2030. Questo proprio nell’Overshoot Day, la giornata in cui, per il 2019, l’uomo ha esaurito le risorse del Pianeta. Quelle che consumiamo da oggi sono in prestito, rubate alle future generazioni. Ci piacerebbe poter pensare che il comunicato del prossimo anno sulla fine delle risorse venga posticipato di qualche settimana. Per ottenere questo occorre che tutti facciano la loro parte, Forlì compresa. La mozione approvata in Consiglio Comunale proprio in questa giornata così importante è migliore di quella presentata un paio di settimane fa dalla maggioranza, ma non è comunque sufficiente. Tra gli impegni eliminati dalla mozione c’è purtroppo quello che riguarda il consumo di carne e latticini, i pannelli solari e le energie rinnovabili. Il punto sul consumo di suolo è invece molto generico e lascia spazio alle mille deroghe previste dalla legge regionale.
È stato rimosso ogni riferimento al concetto di giustizia climatica. Oggi più che mai questo principio è importante per pensare ad un futuro che sia possibile per tutti: non possiamo continuare ad essere la causa principale dei disastri climatici e non assumerci la responsabilità di fronte alle popolazioni attuali e future che stiamo saccheggiando. Ci aspettiamo comunque che l’impegno preso ieri possa essere il primo mattone dal quale partire, e che le decisioni prese dalla politica a tutti i livelli siano conseguenti e possano mettere gli altri. Non bastano ovviamente le parole, servono fatti coerenti con le aspettative. Oggi festeggiamo, ma da domani sappiamo che ci sarà tanto lavoro da fare, tante persone da informare e tutti insieme fare pressione affinché gli impegni presi oggi vengano attuati dalla politica.”