La prima seduta convocata per il 27 giugno

Il nuovo Consiglio comunale di Cesena si riunirà per la sua prima seduta giovedì 27 giugno alle ore 17. La convocazione è partita giovedì dalla Segreteria del Comune. In assenza del presidente del Consiglio (che sarà eletto proprio durante la prima seduta consiliare), a firmarla è stato il sindaco Enzo Lattuca, come previsto dalla legge. A presiedere la seduta del 27 giugno, invece, sarà Andrea Vergaglia del gruppo Pd, in veste di consigliere anziano, per aver ricevuto il maggior numero di voti. A questo proposito, va ricordato che il numero individuale di voti attribuiti a ciascun consigliere comunale è costituito dalla cifra dei voti complessivi di lista a cui vanno sommati i voti di preferenza. Nello specifico,  la lista Pd ha ricevuto complessivamente 16.969 voti (pari al 32% del totale), e Andrea Vergaglia con le sue 381 preferenze, arriva alla cifra personale di 17.350, risultando così il più votato del nuovo consiglio comunale. In realtà, il maggior numero di voti (17.449, di cui 480 di preferenze personali) è stato raccolto da Francesca Lucchi che, però, è stata nominata Assessora e per questo, automaticamente, ha rinunciato al posto in Consiglio.

Particolarmente nutrito l’ordine del giorno, che mette in fila tutta una serie di atti necessari per l’avvio dell’attività amministrativa: la convalida degli eletti, l’elezione di presidente e vicepresidente del Consiglio, il giuramento del sindaco, la presentazione della Giunta, la costituzione dei gruppi consiliari e la comunicazione dei capigruppo, la nomina della commissione elettorale e di quella per l’aggiornamento degli albi dei giudici popolari. Punto focale della seduta sarà l’illustrazione da parte del sindaco Lattuca delle linee programmatiche del suo mandato, anticipando gli indirizzi che l’Amministrazione da lui guidata seguirà nei prossimi 5 anni.

Il Consiglio poi sarà chiamato a indicare i suoi rappresentanti in seno al Consiglio dell’Unione Valle Savio e ad approvare gli indirizzi per la designazione dei rappresentanti del Comune in enti, aziende e istituzioni. Infine approda in Consiglio comunale la delibera per il riconoscimento di un debito fuori bilancio  dell’importo di 69.948 euro, contratto dal Comune di Cesena per gli interventi urgenti determinati dall’alluvione del 13 e 14 maggio scorsi. Chiude l’ordine de giorno l’annunciata mozione presentata dai gruppi Pd e Cesena 2024 per chiedere al Comune di Cesena di dichiarare l’emergenza climatica.