“Nessuno si intesti meriti”

“Che Forlì possa ospitare, forse già dall’anno accademico 2020/2021, il  corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna, è una opportunità sempre più concreta: ora all’ultimo giorno di campagna elettorale, non serve che qualcuno venga a metterci un cappello sopra col rischio di compromettere tutto”. Lo afferma il candidato sindaco Giorgio Calderoni, nelle ore in cui il ministro dell’Istruzione Bussetti è in visita a Forlì e terrà un incontro proprio sul tema dell’arrivo di Medicina nella città romagnola.
“Dopo l’ispezione di lunedì scorso da parte di un gruppo di lavoro dell’Università di Bologna – continua Calderoni – sta proseguendo il 
lavoro per aggiungere un ulteriore tassello al processo di decentramento dell’università in Romagna. Un lavoro fatto senza clamori mediatici nel corso del tempo dal Comune di Forlì assieme a partner indispensabili come la Fondazione Carisp, lo Ior, l’Università di Bologna e il Campus di Forlì. Senza dimenticare il contributo portato avanti da tutti quei medici che hanno contribuito a raggiungere un risultato che sono certo rappresenterà un ulteriore arricchimento per il tessuto sociale e culturale di Forlì e della Romagna”.
“Spero che nell’ultimo giorno di campagna elettorale – conclude Calderoni – nessuno si voglia intestare meriti non propri o mettere 
cappelli politici su questo risultato: il traguardo è vicino e adesso l’unica cosa che conta è lavorare per permettere che Forlì diventi una 
città universitaria con un’offerta sempre più variegata e di assoluta qualità”.