14enne scomparsa rintracciata a casa dell’amica; si ipotizza il reato di procurato allarme alle autorità.

Sabato sera una pattuglia dell’ufficio prevenzione generale è dovuta intervenire in un locale pubblico del centro a causa delle intemperanze di un ubriaco che al termine dell’intervento è stato oggetto di sanzione amministrativa di 102 euro per essere stato colto in luogo pubblico in stato di manifesta ubriachezza. L’uomo, 55enne forlivese, era giunto al locale già ubriaco e al diniego del barista di versargli un superalcolico ha dato in escandescenza lanciando oggetti contro i gestori che a fatica lo hanno allontanato all’esterno dove ha continuato a a inveire contro chiunque fino a che l’intervento dei poliziotti ha portato la calma con l’accompagnamento in questura del soggetto. Da qui è stato poi fatto trasportare al pronto soccorso dove è stato oggetto di cure mediche per fargli passare la sbornia.

Domenica di Pasqua le volanti sono state impegnate per le ricerche di due minori allontanatesi dalla loro dimora. Una ragazza 14enne non aveva dato notizie di sé ai genitori che preoccupati si sono recati in questura a denunciare la scomparsa. Al telefono non rispondeva avendolo spento. Non era la prima volta che questo accadeva. La ragazza è stata rintracciata qualche ora dopo dalla polizia a casa di una amica. La polizia la segnalerà alla Procura dei minori ipotizzando anche il reato di procurato allarme alle autorità. L’altro caso riguarda invece un allontanamento di qualche ora di una ragazza da una comunità che si è risolto col rientro spontaneo. Quest’ultima è quasi 18enne.