Previsti controlli e sanzioni per i trasgressori

Il sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi ha firmato un’ordinanza sindacale con l’intento di porre fine al conferimento nel territorio comunale di rifiuti da parte di cittadini non residenti nel Comune di Santa Sofia. Tale scelta si è resa necessaria dopo aver verificato un anomalo aumento della quantità di rifiuti indifferenziati conferiti nei cassonetti di Santa Sofia: un incremento riferibile a rifiuti provenienti dai comuni limitrofi, che hanno attivato la raccolta “porta a porta” a partire dallo scorso mese di dicembre.

Ovviamente, i cassonetti posizionati a Santa Sofia rispondono alle esigenze degli utenti insediati nel territorio comunale e, di conseguenza, un maggiore apporto di rifiuti potrebbe causare problemi di ordine igienico sanitario, oltre ad un innalzamento dei costi per lo smaltimento dei rifiuti che andrebbe inevitabilmente a ricadere sui cittadini santasofiesi. Per evitare tutto questo, è stata emessa l’apposita ordinanza n. 1 del 18/01/2019, pubblicata anche presso l’Albo Pretorio del Comune, trasmessa alle forze dell’ordine e ai comuni limitrofi. Per chiunque violi l’ordinanza, che tiene conto anche del regolamento regionale di ATERSIR con cui si regola “l’attività in materia di conferimento dei rifiuti da parte degli utenti e sistema sanzionatorio”, è prevista una sanzione amministrativa che può variare tra gli 83,00 e i 500,00 euro. Polizia Municipale, Polizia provinciale, Carabinieri e Carabinieri Forestali avranno il compito di controllare il rispetto delle norme e il corretto conferimento dei rifiuti.

“Oltre ad invitare i cittadini al rispetto delle norme, vogliamo cogliere l’occasione per ricordare che anche a Santa Sofia, nel corso del 2019, ci saranno cambiamenti nella raccolta rifiuti – conclude il sindaco Valbonesi. In particolare, si andrà verso un sistema “porta a porta” misto, con una raccolta “porta a porta” di rifiuti indifferenziati ed organici e ritiro dei rifiuti rispettivamente pari a 1 volta e 2 volte a settimana. Per i restanti tipi di rifiuti rimarrà il conferimento nei cassonetti su strada. Indicativamente, la nuova tipologia di raccolta partirà dall’autunno prossimo e sarà introdotta da una serie di incontri e assemblee pubbliche nei quartieri e nelle frazioni.”