Sempre maggiore integrazione tra scuola e sistema produttivo, per diffondere esperienze tra i giovani

Nella giornata di lunedì 17 dicembre, è stato siglato un importanteProtocollo di intesa tra la Cna di Forlì-Cesena e il Liceo Artistico e Musicale Statale di Forlì, per favorire il processo di integrazione tra mondo scolastico e impresa dell’artigianato artistico.

“Il nostro obiettivo – spiegano Davide Caprili e Andrea Riccardi, rispettivamente presidente e responsabile di CNA Artistico e Tradizionale Forlì-Cesena – è quello di promuovere progetti che coinvolgano gli studenti e mettano a disposizione della scuola il nostro saper fare. I ragazzi devono potersi confrontare con chi quotidianamente porta avanti un lavoro artigiano d’arte (ad esempio: ceramisti, stampatori, vetrai, fabbri, restauratori e stampatori) per sviluppare progetti che possano portare nuove idee. Crediamo nei giovani, perché oltre ad essere il futuro, sono il presente, con le loro speranze e la loro genialità”.

“Le azioni che verranno messe in campo – continua il responsabile di CNA FormazioneRiccardo Guardigli – saranno mirate alla trasmissione, allo scambio e alla diffusione dei saperie delle reciproche competenze e saranno programmati già nei prossimi mesi, momenti di scambio e di confronto tra scuola ed artigiani”. Il dirigente del Liceo Artistico e Musicale di Forlì, Fabio Gramellini, ha evidenziato “l’importanza di un rapporto sinergico tra la scuola e le realtà produttive del territorio, per lo sviluppo e la valorizzazione delle competenze degli studenti”. Gli studenti lavoreranno su progetti volti a valorizzare le botteghe e il lavoro artigiano. Alla firma il dirigente del Liceo Artistico e Musicale Fabio Gramellini, il Presidente di CNA Artistico e Tradizionale Forlì-Cesena Davide Caprili e la portavoce nazionale Elena Balsamini, che ha consegnato al Liceo una tela stampata come risultato di un progetto già avviato gli anni scorsi tra CNA e gli studenti delle scuole medie della provincia.