“L’attuale destinazione d’uso dell’immobile risulta consona all’uso della stessa come sede associativa”

PREDAPPIO (FC) – “Pompignoli non crede alle risposte date alle sue interpellanze; potrebbe farsi le domande e darsi da solo le risposte. Certamente in questo modo avrebbe sempre ragione. Ricordo a Pompignoli – sottolinea il sindaco – che la caserma dei Carabinieri di Predappio si trova in prossimità dei locali dell’associazione. Basta fare una telefonata a loro”.

Così il sindaco di Predappio Giorgio Frassineti risponde al consigliere regionale Massimiliano Pompignoli (Lega), promotore dell’interpellanza in Regione nella quale sostiene che il centro di cultura islamica di Predappio, gestito dall’associazione Salam-La Pace, sia un luogo di culto, caratteristica che renderebbe necessaria la segnalazione alle autorità competenti.

Il sindaco Frassineti ha escluso attività rituali, confermando anche quanto già comunicato alla Prefettura di Forlì-Cesena, cioè che dopo il cambio d’uso da commerciale a direzionale “l’attuale destinazione d’uso dell’immobile risulta consona all’utilizzo della stessa come sede associativa per detta associazione, con esclusione della pratica di culto”.

Una posizione contestata dal leghista, che sostiene di aver ricevuto segnalazioni diverse da parte di centinaia di cittadini predappiesi.“Più che dar credito a generici ‘cittadini predappiesi’ – ribadisce il sindaco – consiglio di fare una telefonata alla Caserma dei Carabinieri di Predappio, adiacente ai locali gestiti dall’associazione, per avere conferma della realtà dei fatti”.