Per maltrattamenti a moglie e figli, lei si voleva separare

I vicini hanno sentito le urla e hanno chiamato i carabinieri, i quali hanno applicato la misura cautelare “dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese” per un cinquantenne algerino.

Nella nottata tra lunedì e martedì i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Corso Mazzini hanno appurato che l’uomo, operaio, aveva insultato e maltrattato la moglie, connazionale 33enne, e i figli minori di sei, cinque e due anni causando anche contusini e lesioni. La donna e i bambini erano intimoriti visto che l’uomo già altre volte aveva avuto atteggiamenti violenti verso di loro al punto che la 33enne già in passato si era fatta medicare al pronto soccorso. E proprio l’atteggiamento violento del coniuge aveva spinto la donna a chiedere la separazione.

I militari, dopo aver ascoltato le vittime e altri familiari presenti nell’abitazione, hanno applicato la misura cautelare, ratificata poi dall’autorità giudiziaria.