Sabato 21 gennaio visite specialistiche e esami ecografici a tariffe agevolate

Sabato 21 gennaio, dalle 8.30 alle 13.30, Primus Forlì Medical Center, struttura sanitaria di GVM Care & Research, organizza l’Open Day dedicato all’Endocrinologia.  Il Centro forlivese aprirà le porte a quanti vorranno sottoporsi ad accertamenti mirati, utili alla prevenzione e al riconoscimento di “sintomi” ed “alterazioni” quali probabili spie di malattie a carico di alcune delle più importanti ghiandole endocrine del corpo umano: tiroide, paratiroidi, surreni.

Ed è proprio la tiroide a riguardare da vicino migliaia di persone. Non a caso, l’incidenza delle patologie tiroidee – sia di origine benigna che tumorale – è tuttora in crescita; complice anche il miglioramento delle metodiche diagnostiche e l’intensificazione dei programmi di screening clinico e strumentale che permettono un’identificazione sempre più precoce e un trattamento altrettanto tempestivo.

Ogni anno in Italia si registrano 15 mila nuovi malati di carcinoma tiroideo, quasi sempre asintomatico e il cui riscontro è occasionale nel corso di esami diagnostici. I fattori di rischio più accreditati dalla comunità medica internazionale possono essere riassunti in pregresse esposizioni a radiazioni ionizzanti; familiarità per neoplasia tiroidea; mutazioni genetiche che si trasmettono tramite il DNA di generazione in generazione. Tuttavia, nella maggioranza dei casi l’insorgenza di carcinoma tiroideo è un evento non prevedibile e non associato a cause certe.

In tema e più nello specifico, chi accederà al Primus potrà richiedere – è necessaria la prenotazione al numero 0543.804311 – una visita endocrinologica completa (della durata di 30 minuti) a tariffe agevolate, seguita – solo nei casi selezionati dallo specialista e in presenza di sintomatologia specifica – dall’esame ecografico.

 

Per l’occasione, Primus Forlì Medical Center metterà a disposizione dei pazienti tutte le competenze terapeutiche e le conoscenze scientifiche acquisite nello studio delle principali endocrinopatie e delle malattie del metabolismo.

E ciò grazie anche alla presenza a Primus della dottoressa Laura Valerio, specialista in Endocrinologia dell’Università di Pisa, particolarmente esperta nell’effettuazione di ecografie tiroidee e il cui campo d’intervento spazia, a puro titolo d’esempio, dalla patologia nodulare tiroidea benigna, al carcinoma tiroideo, alle patologie tiroidee autoimmuni (Tiroidite di Hashimoto e Morbo di Basedow), alla patologia surrenalica (Adenomi surrenalici/Sindrome di Cushing), all’osteoporosi, alle tireopatie in gravidanza, all’obesità. 

All’interno del Primus – spiega il dottor Nicola Castaldini, Direttore Sanitariooltre alla consulenza fornita dalla dottoressa Valerio, è possibile eseguire – una volta conclusa la fase di valutazione clinica e considerata la situazione emersa nel corso dell’indagine preliminare – tutti gli approfondimenti di laboratorio (quali il dosaggio ormonale, la ricerca degli anticorpi responsabili delle sindromi autoimmuni, l’analisi citologica per mezzo dell’agoaspirato tiroideo); quelli radiologici (ad esempio TC e scintigrafia) o multidisciplinari, indispensabili a delineare in modo chiaro e corretto l’endocrinopatia, sia tiroidea che non tiroidea. In che modo? Interagendo di volta in volta con gli altri specialisti coinvolti nel percorso di diagnosi e cura, tra cui: gli oculisti – qualora la patologia endocrina abbia conseguenze sulla salute dell’occhio -; gli otorinolaringoiatri – quando il volume tiroideo aumentato rischia di compromettere le corde vocali e dar luogo a una compressione/deviazione della trachea; i cardiologi – nel caso di iperfunzione/ipofunzione tiroidea, di obesità, di adenomi (tumore benigni) surrenalici funzionanti, in quanto possono aversi gravi ripercussioni sull’intero apparato cardiovascolare -; i diabetologi. Un’integrazione diretta basata sulle rispettive professionalità allo scopo di dare risposte rapide, efficaci e personalizzate”.

La prenotazione della visita specialistica durante l’Open Day del Primus Forlì Medical Center può essere effettuata anche tramite l’indirizzo mail ino-pfmc@gvmnet.it