Scosse avvertite anche in Romagna

Ancora scosse nel centro Italia questa mattina. La prima forte scossa delle 10.25, avvertita nel Lazio, in Abruzzo, nelle Marche, è stata sentita chiaramente anceh a Roma, Napoli, Firenze. Anche i forlivesi residenti ai piani alti l’hanno avvertita.

La magnitudo è stata di 5,3, secondo le prime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), ed è avvenuto tra L’Aquila e Rieti a una profondità di 10 km. Dopo la prima scossa forte, ce ne sono state altre quattro di poco successive con magnitudo più alta del 3,2, poi, alle 11,14, la seconda forte botta, con magnitudo intorno a 5,5. Pochi minuti dopo, intorno alle 11,25, un nuovo tremore prolungato, sempre con epicentro vicino allo stesso punto, con i centralini del pronto intervento che ricevevano migliaia di telefonate. Nelle zone terremotate, nei comuni di Amatrice e Accumoli, la situazione è già difficile a causa della neve.