Lia Montalti (PD): “90 azioni trasversali per ridurre l’inquinamento e salvaguardare la salute”

La Giunta regionale, dopo un primo percorso che ha visto intervenire enti locali e associazioni economiche e ambientaliste, ha approvato il Piano aria integrato regionale (PAIR) 2020: a disposizione ci sono 300 milioni di euro per realizzare 90 azioni trasversali per ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria in Emilia-Romagna.

“Le azioni previste riguardano la riduzione del traffico veicolare, l’efficientamento energetico di edifici e imprese, il sostegno a una mobilità, sia pubblica sia privata, più sostenibile. Tra le misure di maggior rilievo – richiama la consigliera regionale PD Lia Montalti – l’eco-bonus di 2.500 euro per la rottamazione dei veicoli commerciali più inquinanti, la sostituzione di almeno 600 bus con il contributo delle aziende di trasporto locale, l’ampiamento delle aree verdi e a traffico limitato nei centri urbani più grandi”.

“L’obiettivo è quello di superare le iniziative emergenziali, come i blocchi del traffico, puntando su interventi strutturali. Con il PAIR vogliamo infatti agire per ridurre le fonti inquinanti e le loro cause, modificando anche le abitudini di cittadini ed imprese” commenta Montalti.

“Il testo approda ora in Assemblea Legislativa nella Commissione Territorio e Ambiente, e proseguirà il percorso di confronto e ascolto avviato con i territori, i comuni e tutti i soggetti interessati. La strategia prevista dal PAIR, per il miglioramento della qualità dell’aria, può essere realizzata solo se tutto il territorio regionale è davvero coinvolto e partecipe nella sua attuazione” spiega Lia Montalti, capogruppo PD nella III Commissione dell’Assemblea Legislativa.

“Con il PAIR la Regione intende dimezzare le polveri sottili, portando dall’attuale 64% all’1% i dati sulla popolazione esposta a più di 35 superamenti di Pm10 l’anno e assicurando, con controlli più frequenti e misure più stringenti, il rispetto dei valori limite degli inquinanti atmosferici nel territorio regionale. La volontà è anche quella di tagliare le emissioni di ossido d’azoto, ammoniaca e composti organici volatili – conclude la consigliera regionale, che sottolinea – Ambiente e salute sono un binomio inscindibile. E si tratta di una responsabilità che va condivisa e deve coinvolgere tutti noi, istituzioni, cittadini e imprese. Il diritto alla salute di ognuno infatti si realizza attraverso il rispetto e la tutela dell’ambiente di tutti”.