Parte un nuovo modello operativo per gli accertamenti

Parte un nuovo modello operativo per esperire gli accertamenti sanitari nei confronti dei cittadini stranieri  richiedenti asilo inviati in questa provincia, prima della loro assegnazione nelle strutture di accoglienza del territorio all’uopo individuate, in attesa dello svolgimento delle procedure amministrative per il riconoscimento della protezione internazionale.

 

A tale scopo l’Azienda USL della Romagna ha infatti attivato due distinti ambulatori, collocati a Forlì e a Cesena presso i rispettivi Presidi Ospedalieri, ove opera personale medico incaricato di effettuare la prima visita sanitaria, esclusivamente nei confronti dei cittadini stranieri di che trattasi.

L’iniziativa in questione scaturisce dall’azione congiunta e condivisa di un apposito gruppo tecnico di lavoro che si riunisce, con cadenza settimanale presso questa Prefettura, nell’ambito dell’intensa attività di coordinamento già da tempo svolta per l’accoglienza dei cittadini in argomento, con particolare riferimento allo smistamento nei centri temporanei presso le strutture individuate nel territorio provinciale, nonché per l’analisi e il monitoraggio di tutte le problematiche connesse.