E-Bike a Cesena

Incentivare forme di mobilità sostenibile e facilitare gli spostamenti

La micromobilità torna protagonista nella città di Cesena nel segno della condivisione e della responsabilità. Nelle prossime settimane infatti sul territorio comunale torneranno ad essere operative in sharing le flotte composte da monopattini (200) e biciclette a pedalata assistita (150 e-bike) messe  disposizione dal nuovo operatore selezionato dall’Amministrazione comunale di Cesena nell’ambito del bando pubblico promosso a novembre 2023 per incentivare forme di mobilità sostenibile e facilitare gli spostamenti in città. Si tratta di RIDEMOVI, azienda italiana leader nella micromobilità che si sta espandendo in tutta Europa con l’obiettivo di portare la mobilità sostenibile oltre i confini europei.  L’operatore, con sede a Milano, inoltre è presente nelle principali città italiane (Firenze, Venezia Mestre, Padova, Torino, Milano, Lignano Sabbiadoro, Santa Margherita Ligure) e in Emilia-Romagna (Piacenza, Reggio Emilia, Bologna, Imola).

La sharing mobility rappresenta un valido supporto agli utilizzatori del trasporto pubblico nella percorrenza del primo e ultimo miglio per gli spostamenti sistematici e negli spostamenti anche occasionali tra il centro urbano e le aree poco servite o con carenza di corse di linea in determinate fasce orarie. Nel corso di questi anni, promuovendo forme sostenibili di mobilità, l’Amministrazione comunale ha dotato il territorio di servizi che incontrano concretamente le esigenze dei cittadini, studenti e lavoratori: è questo il caso dell’ampliamento della rete ciclabile cittadina e dell’attivazione del servizio di trasporto a chiamata BusSì. La mobilità condivisa si sta affermando in tutte le aree metropolitane offrendo agli utenti un’ottima alternativa alla mobilità condotta con veicoli di proprietà a motore e con trazione tradizionale. 

Trova, scansiona e parcheggia. A questo proposito, in riferimento ai due anni di gestione del servizio da parte di RIDEMOVI (rinnovabili ulteriormente di uno), gli uffici comunali della Mobilità, d’intesa con il nuovo gestore del servizio, individueranno learee dedicate dove poter parcheggiare questi mezzi. In modo particolare si tratta dei parcheggi scambiatori, della zona Stazione, dell’area del Campus universitario e di altri luoghi particolarmente fruiti sette giorni su sette da studenti, lavoratori, pendolari e turisti. Per utilizzare i mezzi è possibile usufruire dei diversi abbonamenti, pensati per le diverse esigenze, elencati in dettaglio sulla App o al prezzo di € 1 allo sblocco e di € 0,25 al minuto, sia per i monopattini che per le e-bike. Verranno proposti abbonamenti molto vantaggiosi e promozioni durante l’anno. L’App, grazie al riconoscimento tramite GPS, indica su una mappa sia la posizione dei mezzi disponibili sia le postazioni di prelievo e parcheggio.

Il bike-sharing rappresenta la soluzione ideale per i percorsi medio-brevi, dando grande impulso alla cosiddetta “intermodalità” e offrendo al pubblico un servizio pratico e veloce, in linea con le esigenze di spostamento delle persone in area urbana. Le biciclette sono equipaggiate di Gps, tessera sim e un lucchetto intelligente brevettato che viene sbloccato/bloccato tramite l’app di Ridemovi. Al fine di evitare furti e danni, il 100% dei componenti di Ridemovi non possono essere utilizzati su altre biciclette, ed è integrato un sistema GPS in grado di tracciare sempre la posizione del mezzo. L’utente, attraverso l’app, può segnalare anche eventuali guasti e malfunzionamenti, riportando il numero identificativo della bici e la descrizione del problema (con massimo 140 caratteri).

Come funziona

Per usufruire del servizio è necessario utilizzare l’applicazione gratuita Ridemovi, scaricabile dall’App Store o da Google Play. Scaricata l’app è necessario creare un account, utilizzando il numero di cellulare a cui arriverà il codice di verifica da inserire e, a seguire, l’inserimento di una password.
I pagamenti per ricaricare il portafoglio o comprare un Pass avvengono tramite carta di credito/debito, Apple Pay e Google Pay. Tramite l’app è possibile consultare la mappa localizzando le biciclette più vicine. Una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante “Scansiona per Sbloccare”, scansionare il QR code sul manubrio o sul lucchetto per poter utilizzare la bici o la ebike. Giunti a destinazione è possibile parcheggiare la bicicletta (in un’area di sosta o “in maniera responsabile”), terminare la corsa nell’app e seguire le istruzioni che compaiono sullo smartphone.
L’app provvede automaticamente a terminare il viaggio.

Il nuovo servizio è stato presentato questa mattina in piazza Almerici dal Sindaco Enzo Lattuca, dall’Assessora alla Mobilità Sostenibile e Viabilità Francesca Lucchi, dal Dirigente del Settore Tutela dell’Ambiente e del Territorio del Comune di Cesena Giovanni Fini, da Davide Lazzari Responsabile Business Development and Pubblic Affair presso RIDEMOVI e dal City Manager Alessandro Gabriele.

Il bike-sharing rappresenta la soluzione ideale per i percorsi medio-brevi, dando grande impulso alla cosiddetta “intermodalità” e offrendo al pubblico un servizio pratico e veloce, in linea con le esigenze di spostamento delle persone in area urbana. Le biciclette sono equipaggiate di Gps, tessera sim e un lucchetto intelligente brevettato che viene sbloccato/bloccato tramite l’app di Ridemovi. Al fine di evitare furti e danni, il 100% dei componenti di Ridemovi non possono essere utilizzati su altre biciclette, ed è integrato un sistema GPS in grado di tracciare sempre la posizione del mezzo. L’utente, attraverso l’app, può segnalare anche eventuali guasti e malfunzionamenti, riportando il numero identificativo della bici e la descrizione del problema (con massimo 140 caratteri).