Foto di repertorio shutterstock

Gli assessori Lori e Mammi: “Impegnati a tutelare e valorizzare il ricco patrimonio boschivo e forestale della nostra regione”

Oltre 4 milioni di euro per valorizzare foreste e aree boschive, prevenire il rischio incendi e contrastare il cambiamento climatico, attraverso un bando dell’assessorato regionale Montagna, Parchi e Forestazione della Regione Emilia-Romagna, rivolto a Enti pubblici e Consorzi forestali. Le risorse – esattamente 4,3 milioni – sono del Psr-Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 e vengono appunto destinate a sostenere investimenti per rafforzare la tutela ambientale e di biodiversità, attraverso la valorizzazione di foreste e aree boschive. Così diventeranno più efficienti dal punto di vista ecologico e più accessibili.

“L’Emilia-Romagna vanta un patrimonio boschivo e forestale molto ricco, e il nostro impegno è quello di tutelarlo e valorizzalo con azioni che abbiano un impatto positivo anche per il contrasto al cambiamento climatico- commentano gli assessori alla Montagna, Barbara Lori, e all’Agricoltura, Alessio Mammi -. Questi interventi, che interesseranno in particolare le nostre montagne, miglioreranno l’efficienza ecologica degli ecosistemi forestali, ne consentiranno una maggiore fruizione da parte dei cittadini e potranno generare anche nuove opportunità occupazionali”.

Gli obiettivi

Il bando si propone di attivare la Misura 8 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste” del PSR 2014-2020. Sono tre le tipologie di intervento a favore del settore forestale che possono essere ammesse al finanziamento: miglioramento dell’efficienza ecologica degli ecosistemi forestali (mantenimento e incremento della diversità specifica e fisionomica anche per aumentarne la resilienza contro gli effetti dei cambiamenti climatici in corso), mantenimento della conoscenza e della fruizione pubblica del bosco (miglioramento della rete sentieristica e della relativa attrezzatura, realizzazione di sentieri natura, riequilibrio delle componenti biotiche del soprassuolo negli habitat forestali) e mantenimento del valore naturalistico dei boschi (conservazione e miglioramento di soprassuoli forestali, ecotoni e radure, coerentemente con le previsioni di Piani di gestione e Misure di conservazione per le aree ricadenti in Rete Natura 2000 e in Aree protette).

A chi è rivolto il bando

Possono presentare domanda Enti pubblici e Consorzi forestali, e i contributi vanno da 50mila a 150 mila euro. Le domande devono essere presentate alla Regione Emilia-Romagna – Settore Aree protette, foreste e sviluppo zone montane presentate sul sistema informativo di AGREA (SIAG) entro le ore 13 di mercoledì 31 agosto 2022. La graduatoria sarà resa nota entro il 30 novembre 2022 e i contributi saranno concessi entro il 31 dicembre 2022. I lavori dovranno iniziare entro il 30 aprile 2023 e terminare entro il 30 aprile 2024.