(Foto Shutterstock.com)

La dichiarazione di Paolo Capone, Leader UGL sull’esplosione Suviana

“Sono profondamente addolorato per l’esplosione alla centrale idroelettrica del Lago di Suviana e per le notizie di un incendio al piano meno nove. In questa strage che ha coinvolto i lavoratori che erano di turno, esprimo la mia più sincera solidarietà e vicinanza alle vittime e alle loro famiglie. La sicurezza sul lavoro è un diritto fondamentale che deve essere garantito in ogni circostanza. È essenziale fare tutto il possibile per evitare incidenti e proteggere la vita delle persone che operano in ambienti potenzialmente pericolosi come le centrali elettriche. In questo momento critico, è di vitale importanza che le squadre di soccorso, tra cui vigili del fuoco, carabinieri e personale medico, agiscano con tempestività ed efficienza per mettere in sicurezza la zona e prestare l’assistenza necessaria alle persone coinvolte. Rivolgo un appello a tutti gli attori coinvolti affinché si adoperino al massimo delle loro capacità per offrire supporto e conforto alle famiglie colpite da questo terribile incidente”. Lo hanno dichiarato in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale UGL e Tullia Bevilacqua, Segretario Regionale UGL Emilia-Romagna, in merito all’esplosione che si è verificata a 30 metri di profondità sotto la diga di Suviana, nel Bolognese.