In occasione del passaggio dalla fase sperimentale a quella ordinaria del sistema di monitoraggio e di controllo degli accessi dei veicoli “Mercurio”, è fondamentale ricordare che il provvedimento interessa SOLO i varchi d’accesso della Zona a Traffico Limitato, non le altre postazioni.
Infatti nulla cambia per le funzioni delle strutture di monitoraggio della fascia di perimetro del Centro Storico che svolgono attività statistica, di verifica per i mezzi pesanti e di potenziamento della sicurezza. L’accesso al Centro Storico di Forlì rimane quindi libero, così come è sempre stato.
 

“Non creare allarmismo”

“E’ bene aver chiara la situazione per evitare di confondere varchi e funzioni”. Queste le parole del sindaco Davide Drei e dell’assessore al Centro Storico Marco Ravaioli. “Chi in queste ore utilizza l’argomento per accendere una polemica politica ha il dovere morale della correttezza nella comunicazione per non creare ingiusto allarmismo e per evitare di arrecare danno alle attività degli operatori del Centro. Diversamente sarà chiara la volontà di creare disorientamento psicologico e di sfruttare in modo speculativo un procurato allarmismo.”

A partire da martedì 8 maggio, l’unico dato di novità è rappresentato dal fatto che nell’area ridotta della Zona a Traffico Limitato chi entrerà senza permesso non riceverà più un avviso di cortesia ma sarà sottoposto a misura sanzionatoria. E’ necessario mantenere chiara la differenza fra le due fasce di monitoraggio e controllo, come è stato spiegato in varie occasioni e come correttamente rappresentato dagli organi di informazione, perché il sistema “Mercurio” puntando al potenziamento della sicurezza, si basa sul rispetto delle regole.