Fonte: Ufficio Stampa Comune di Savignano sul Rubicone

“Il cantiere, attivato dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, è suddiviso in vari lotti e sarà operativo fino ai primi mesi di ottobre”

È iniziato a metà giugno un corposo e articolato intervento di consolidamento spondale e ripristino delle frane sul fiume Rubicone, necessario dopo l’alluvione che ha colpito il territorio pedecollinare e la pianura della Romagna il 16 e il 17 maggio scorsi. In quei giorni, come noto, si sono verificati eventi di piena in tutti i corsi d’acqua che hanno raggiunto livelli idrometrici abbondantemente superiori alla soglia rossa, causando rotture degli argini, erosioni di sponde e deviazioni degli alvei, occlusioni e intasamenti di infrastrutture. I danni hanno interessato anche il corso del Rubicone, con smottamenti di sponde che hanno compromesso in modo diffuso la viabilità in fregio al corso d’acqua.

Il cantiere, attivato dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, è suddiviso in vari lotti e sarà operativo fino ai primi mesi di ottobre. In campo quattro ditte, Clas, Polo autotrasporti, ditta Montana Valle del Lamone e Ambrogetti srl. Un primo lotto riguarda il ripristino della scarpata del Rubicone a presidio della via Rubicone destra nel tratto tra il ponte di via Galeazza e via Bastia mediante opere in massi ciclopici e importanti pali e muri in calcestruzzo armato per un finanziamento di 1.200.000 euro.

Il secondo, nei Comuni di Savignano sul Rubicone e Gatteo, interessa il ripristino delle scarpate e del muro idraulico sul fiume, in via Rubicone sinistra e via Rubicone destra nel centro di Fiumicino, finanziate per un importo di 800.000 euro. Proprio in merito all’abitato di Fiumicino, mercoledì 16 agosto parte l’intervento per il consolidamento delle fondazioni e della sponda fluviale, all’altezza del civico 13 di via Rubicone Sinistra; il tratto lungo il quale si tengono i lavori è lungo circa 30 metri, e rimarrà chiuso al transito veicolare per circa 40 giorni; rimane garantito l’accesso pedonale.

Nel frattempo, dal 14 agosto via Rubicone destra, a partire da via Bastia in direzione mare, viene riaperta alla regolare circolazione, eccetto i tratti in corrispondenza dei fronti di frana che saranno percorribili a senso unico alternato, e il tratto da via Melozzo da Forlì a via Palmezzano che rimarrà ancora chiuso. Il terzo lotto prevede un intervento diffuso di ripristino delle scarpate erose del fiume, nel tratto arginato a valle della via Emilia, mediante opere in massi ciclopici e palizzate, per 2.000.000 di euro. Il quarto prevede lavori di somma urgenza e messa in sicurezza delle arginature del fiume Rubicone erose nei Comuni di Savignano sul Rubicone e Gatteo, per 200 mila euro.

Continuano inoltre gli interventi diffusi a monte del ponte di via Togliatti, che l’Agenzia regionale sta eseguendo con prontezza e rapidità. “Il fiume Rubicone – affermano il Sindaco Filippo Giovannini, l’Assessore ai Lavori pubblici Stefania Morara e l’Assessore alla Protezione Civile Natascia Bertozzi – è stato oggetto nel corso degli ultimi nove anni da parte dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la Protezione Civile dell’Emilia Romagna, di interventi continui di pulizia e riqualificazione degli argini e delle briglie; questo presidio è stato molto importante. La collaborazione è stata immediatamente avviata di intesa tra l’Amministrazione Comunale e l’Agenzia regionale ed è tuttora in corso la verifica ed il monitoraggio di eventuali evoluzioni di dissesti su tutto il territorio comunale.”.