(Foto Shutterstock.com)

La Polizia di Stato incontrerà gli studenti di tredici classi del primo anno del Liceo Classico “G.B. Morgagni” di Forlì

Domani, 24 novembre alle ore 11:00, presso il Liceo Classico “G.B. Morgagni” di Forlì, la Polizia di Stato in collaborazione con la Presidenza dell’Istituto, nell’ambito della campagna permanente denominata “Questo non è amore” e delle iniziative connesse alla Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, incontrerà nell’Aula Magna dell’Istituto gli studenti di tredici classi del primo anno del Liceo Classico.

“La violenza di genere costituisce fenomeno che involge tutti gli aspetti della vita sociale e rappresenta una delle forme più evidenti di diseguaglianza e proprio perché trattasi di problema strutturale, è necessario che l’azione di prevenzione di questo fenomeno parta dalle scuole e dai giovani. Nel contesto scolastico è doveroso infatti informare, educare e sensibilizzare rispetto ad un tema così tristemente attuale, e, per questo, la Polizia di Stato è e sarà sempre a fianco alle istituzioni scolastiche e agli studenti per un approccio che non può e non deve essere solo repressivo, ma doverosamente preventivo, e che si fondi su percorsi formativi educanti e valori assoluti quali l’eguaglianza, il rispetto, l’etica e la legalità rispetto ai quali si deve agire proprio sui più giovani”.

“L’incontro, fortemente voluto dalla Questura e frutto di una collaborazione pluriennale con il prefato Istituto, vedrà la partecipazione di circa trecento alunni, tra i quali alcune classi prime dell’indirizzo psico-pedagogico, ovvero coloro che saranno chiamati ad essere i formatori di domani, e si pone lo scopo di realizzare un importante momento di riflessione e sensibilizzazione anche attraverso il dialogo ed uno scambio costruttivo anche di esperienze della vita reale, tra gli studenti e la Polizia di Stato e sarà tenuto dal Vice Ispettore Tamara Fanelli già componente del tavolo interistituzionale della violenza di genere e qualificato e solido punto di riferimento dell’Ufficio Minori e vittime vulnerabili della Questura di Forlì”.