Fonte: Ufficio Stampa Comune di Forlì

“In questa prima fase inizieremo a rimuovere le piastrelle rotte e pericolanti” – dichiara l’assessore Giuseppe Petetta. “Contestualmente, è partita la progettazione per il rifacimento di tutto il parco, compromesso a causa dell’alluvione”

L’alluvione di maggio non ha risparmiato le aree verdi di molti quartieri. Ai Romiti, una delle “vittime” della rottura del Montone è stato il parco giochi di via Sapinia, intitolato alla memoria di Padre Ernesto Balducci. Punto di riferimento e cuore pulsante dell’attività dell’intero quartiere, l’area è stata invasa dalla furia dell’acqua e ricoperta da strati di fango e detriti.

Giovedì mattina, alla presenza di alcuni tecnici comunali dell’unità progettazione, manutenzione e gestione del verde pubblico, si è svolto un sopralluogo con il coordinatore del comitato di quartiere, Stefano Valmori, per gettare le basi di una progettazione condivisa che tenga conto delle richieste dei residenti e dell’importante donazione effettuata dalla CGIL.

“In questa prima fase inizieremo a rimuovere le piastrelle rotte e pericolanti” – dichiara l’assessore Giuseppe Petetta. “Contestualmente, è partita la progettazione per il rifacimento di tutto il parco, compromesso a causa dell’alluvione. Siamo consapevoli che quest’area è sempre stata un punto di riferimento per le famiglie della zona e che c’è grande attesa per il suo recupero. Ecco perché i nostri tecnici, con il contributo del comitato di quartiere, si sono messi subito al lavoro. Ringrazio ancora una volta Stefano Valmori, coordinatore dei Romiti, che questa mattina era presente con i nostri tecnici per fare il punto della situazione e intraprendere un percorso condiviso che faccia bene all’intera comunità.”