Foto di repertorio shutterstock

L’Assessore Rosaria Tassinari: “Gaetano Foggetti è stato un campione non solo nel mondo dell’informazione e della cultura forlivese, ma anche del volontariato”

Il cordoglio del Sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini e dell’Amministrazione comunale

“E’ con profonda tristezza che abbiamo appreso la notizia della scomparsa di Gaetano Foggetti, giornalista di rango nel panorama romagnolo, alfiere del volontariato sanitario e culturale, cittadino attento alla promozione dei valori di partecipazione e solidarietà. Ne piangiamo la scomparsa unendoci al dolore della moglie, dei figli, della madre e dei fratelli. Insieme a loro ci uniamo in un abbraccio affettuoso ai colleghi, agli amici, a tutti coloro che hanno condiviso idee e progetti con Gaetano. Lo ricordiamo in primo luogo come giornalista preparato, di qualità, sensibile, attento al rispetto deontologico per il mestiere e umano per i rapporti con le persone. Caratteristiche straordinarie che si abbinavano a dedizione, impegno e serietà. Gaetano Foggetti ha svolto per lunghissimo tempo un ruolo molto importante nel nostro territorio come responsabile della redazione forlivese del Corriere Romagna, oltre che componente degli organi direttivi della testata. Dal suo ingegno, e in collaborazione con fotografi e giornalisti, hanno preso vita anche tanti Almanacchi di Forlì e i volumi dedicati ai quartieri della Città. Lo ricordiamo anche per la sua educazione, la sua delicatezza, mostrata sempre nei confronti di tutti coloro che hanno avuto il piacere di un confronto con lui. Grande merito ha avuto nella crescita dell’Associazione Italiana Lotta alle Leucemie della quale è stato storico Presidente e che tanto aiuto ha dispensato alle persone colpite da queste malattie e alle loro famiglie. In questo momento così triste per tutta la Città mi faccio interprete dei sentimenti di cordoglio da parte del Consiglio Comunale, della Giunta e dell’Amministrazione comunale tutta”.

Il cordoglio dell’Assessora Rosaria Tassinari

“Gaetano Foggetti è stato un campione non solo nel mondo dell’informazione e della cultura forlivese, ma anche del volontariato. Anzi, ha saputo operare nel mondo del volontariato con passione, intelligenza e umanità, portandovi anche la cultura e uno stile di vita tutto suo, con quella delicatezza che sapeva comunicare. Tempo fa mi aveva invitata a visitare la sede dell’Ail di Forlì-Cesena, di cui era presidente. Mi disse con molta sincerità e umiltà che quella sede era anche a disposizione della città e di chiunque ne avesse avuto bisogno nel mondo del volontariato e della disabilità. Grazie al suo impegno nell’Ail e alla sua intelligente e creativa collaborazione in altre strutture del volontariato sociale, era anche un grande organizzatore di eventi su temi etici di grande attualità, come quello memorabile sul fine vita, con don Erio Castellucci, arcivescovo di Modena-Nonantola e vescovo di Carpi, col dottor Marco Maltoni ed il dott. Stefano Maitan. Insomma, era una persona molto attiva che non si limitava a lavorare nel mondo del volontariato, ma lo animava con le sue conoscenze, col suo modo profondo di comunicare e infondendovi una cultura umanistica unita a una profondissima e finissima sensibilità. Aveva imparato questo stile e questo impegno dal padre, il generale Vito, molto attivo nel volontariato della scuola, della Croce Rossa e dello sport (Csi)  a Forlì. Gaetano resta un esempio per aver non solo svolto volontariato, ma soprattutto per aver creato e comunicato uno stile di volontariato che lascia come eredità ai forlivesi.”

Il cordoglio del Sindaco di Meldola, Roberto Cavallucci

“Ho appreso la tristissima notizia della prematura scomparsa di Gaetano Foggetti. La nostra comunità, tutta, perde un grande uomo, una bella persona, autorevole giornalista, protagonista del mondo del volontariato, sempre pronto ad aiutare il prossimo e a supportare i più fragili. E’ stato una persona stimata da tutti per la sua profonda sensibilità, per quel grande senso di solidarietà, per l’impegno sociale che hanno caratterizzato tutta la sua vita e per la sua immensa cultura. Vorrei ricordarlo proprio per il suo inestimabile e prezioso contributo nell’associazionismo come Presidente di Ail ma anche come capo redattore di uno dei più importanti quotidiani locali. Con la sua penna è stato uno stimato giornalista capace di raccontare ed interpretare gli avvenimenti del nostro tempo. Gaetano è stato per me, nel poco tempo che la vita ci ha riservato, un amico, una persona speciale a cui chiedere un consiglio, un’opinione, un suggerimento.  Ci siamo conosciuti poco più di tre anni fa durante la campagna elettorale mentre lui  era come sempre, sotto il loggiato comunale, al banchetto dell’Ail. Da allora abbiamo trascorso insieme alcuni momenti per me indimenticabili. Tra gli altri mi piace ricordare la nostra ultima gita in bicicletta lungo il fiume Bidente. Era stata talmente bella che ci eravamo promessi di rifarla ma purtroppo non c’è stato il tempo.  A tutta la sua famiglia, ai suoi cari ed a tutti coloro che gli volevano bene giunga il più sincero e profondo sentimento di cordoglio da parte mia, dell’intera Amministrazione Comunale e di tutta la Città di Meldola”.

La nota dell’Irst di Meldola

Perdiamo un grande amico e un attento promotore della causa onco-ematologica. Abbiamo avuto la fortuna di conoscere e apprezzare Gaetano sia come professionista della comunicazione – un vero riferimento per il giornalismo del territorio – sia come volontario e Presidente dell’AIL Forlì-Cesena. Ne ricorderemo l’equilibrio, la correttezza, la profonda preparazione, l’intelligenza; qualità rare che ha saputo metter al servizio dei malati intervenendo attivamente a favore dell’Ematologia romagnola per rendere il percorso di cura dei pazienti sempre più efficace, accogliente, a misura delle esigenze del singolo malato. Come Presidente dell’AIL era anche stimato membro del Comitato Etico unico della Romagna, un organo fondamentale per la ricerca medica. Ai figli, alla moglie, alla madre, ai fratelli, ai colleghi ed amici vanno tutta la nostra vicinanza e tutto il nostro più sentito cordoglio”.