L’Assessore Tassinari: “Queste sono risorse importanti che daranno forza alla capacità di dare risposte concrete ai bisogni più urgenti di tante persone fragili”

 In arrivo nuove risorse importanti dal PNNR, questa volta per il welfare e le politiche per la famiglia, con un occhio di riguardo ad anziani e non autosufficienti. È di questi giorni, infatti, la pubblicazione, da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della graduatoria dei progetti degli Ambiti Sociali Territoriali ammessi al finanziamento nazionale nell’ambito delle risorse del PNRR. Forlì, nella sua veste di Comune capofila del Comitato di Distretto, si appresta a portare a casa più di 6,2 milioni di euro. Una cifra record per un filone di progetti presentati d’Amministrazione forlivese e ritenuti dal Ministero tutti ammissibili a finanziamento, in ragione della loro elevata performance e strategicità con tempi di attuazione molto rapidi.

“La notizia dell’arrivo di questi fondi certifica la validità, la concretezza e la qualità della nostra progettazione anche in questo campo, nonché l’importanza del percorso di co-programmazione realizzato in questi mesi con tutto il terzo settore, così strategico e prezioso per il benessere e la qualità della vita delle nostre comunità” – spiega l’Assessore Rosaria Tassinari.

Nel dettaglio, verranno dunque finanziati nell’ambito dei servizi sociali, disabilità e marginalità sociale due progetti, da 715.000 euro l’uno, per un totale di 1.430.000,00 euro. Sul fronte dell’autonomia degli anziani non autosufficienti, sono in arrivo 2.460.000,00 euro mentre per il rafforzamento dei servizi sociali domiciliari per garantire la dimissione anticipata assistita, il contributo richiesto ed ottenuto è pari a 330.000,00 euro. Per la messa a terra di azioni di sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini, le risorse richieste nell’ambito del PNRR, e ottenute dal Comune di Forlì, sono pari a 211.500,00 euro, mentre quelle per prevenire e contrastare forme di povertà diffusa ammontano per un primo progetto a 710.000,00 euro e a 1.090.000,00 euro per un secondo progetto.

“Queste” – conclude l’Assessore Tassinari – “sono risorse importanti che daranno forza alla capacità di dare risposte concrete ai bisogni più urgenti di tante persone fragili. È un’opportunità straordinaria di contrasto alle diseguaglianze e di generazione di nuove opportunità per azzerare situazioni di isolamento, non autosufficienza e marginalità sociale.”