Foto di repertorio shutterstock

L’Assessore Cintorino: “Questo risorse rappresentano una piccola ma importante boccata d’ossigeno per i nostri albergatori”

100 mila euro di contributi a fondo perduto a sostegno di 6 strutture alberghiere del territorio comunale, per far fronte alle perdite derivanti dalla diffusione del Covid-19. È questo il contenuto della determina del Servizio Cultura e Turismo del Comune di Forlì che traduce nei fatti le linee di indirizzo impartite dall’Assessore Andrea Cintorino in materia di ristori alle imprese ricettive della città, colpite dall’emergenza pandemica. Delle 9 istanze pervenute agli uffici in ordine di arrivo nei termini previsti dal bando, 6 sono state ritenute ammissibili e 3 inammissibili.

“Questo risorse” – spiega l’Assessore Cintorino – “rappresentano una piccola ma importante boccata d’ossigeno per i nostri albergatori. Il covid, con le sue restrizioni, lo stop ai flussi turistici e i lunghi mesi di isolamento, ha congelato il settore ricettivo di questi ultimi due anni andando a minare gli equilibri di bilancio di hotel e strutture alberghiere di tutto il Paese.”

“Anche a Forlì, a causa della pandemia, i servizi di ospitalità hanno sofferto una contrazione significativa dal punto di vista del numero delle presenze e dei pernottamenti. Questa situazione, riscontrabile in tutto il territorio cittadino, ci ha indotto a mettere in campo un plafond di risorse straordinarie per ristorare il settore alberghiero e dare impulso alla ripartenza. Certamente” – conclude l’Assessore Cintorino – “dobbiamo fare i conti con l’attuale situazione di crisi e la tensione sui mercati finanziari che ci induce a rimanere prudenti e ad usare il buon senso. L’obiettivo è lavorare per evitare nuovi stop e favorire una celere ripresa dell’indotto economico-occupazionale di questa città.”