L’allerta è gialla

Dalle 12 di oggi, domenica 11 ottobre, alla mezzanotte tra domani, lunedì 12, e martedì sarà attiva nel territorio della provincia di Forlì-Cesena l’allerta meteo numero 85, per criticità idrogeologica, temporali e vento, emessa dall’Agenzia regionale di protezione civile e da Arpae Emilia Romagna. L’allerta è gialla.

Nella giornata di oggi, infatti, tutto il territorio della regione sarà gradualmente interessato, a partire dal settore occidentale, da piogge localmente persistenti e fenomeni temporali sparsi, più intensi sulle aree appenniniche. Dal pomeriggio/sera i fenomeni si intensificheranno sul settore centro-orientale, dove potranno diventare anche a carattere temporalesco di moderata o forte intensità.

Le precipitazioni continueranno nella notte e nella mattina di domani, 12 ottobre, e soltanto dalle ore pomeridiane si prevede che potranno essere in esaurimento sulla pianura centro-occidentale e in attenuazione sui rilievi, sulla pianura orientale e sulla costa.

Per tutto il periodo di validità dell’allerta si prevede, inoltre, il superamento della soglia di allerta per il vento sulle aree del crinale, sulla costa e sulle aree di pianura e collinari del settore orientale, dove potrà raggiungere e superare intensità di 62 km/h e con ulteriori rinforzi di raffica. L’allerta gialla per criticità costiera è stata definita in relazione al completamento delle opere di difesa invernali tutt’ora in corso.

L’allerta completa si può consultare sul portale Allerta meteo Emilia Romagna (https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it/) e anche attraverso twitter (@AllertaMeteoRER); sul portale sono presenti anche molti altri materiali di approfondimento, tra i quali le indicazioni su cosa fare prima, durante e dopo le allerte meteo, nella sezione “Informati e preparati” ( http://bit.ly/allerte-meteo-cosa-fare ).

Si raccomanda di mettere in atto le opportune misure di autoprotezione, fra le quali, in questo caso: prestare particolare attenzione allo stato dei corsi d’acqua ed evitare di accedere ai capanni presenti lungo gli stessi (se si allaga la golena il capanno deve essere evacuato); prestare attenzione alle strade eventualmente allagate e non accedere ai sottopassi nel caso li si trovi allagati; fissare gli oggetti sensibili agli effetti della pioggia, della grandine e del vento o suscettibili di essere danneggiati.