foto di repertorio shutterstock

Riportiamo la nota della Diocesi di Forlì-Bertinoro

Il Vescovo mons. Livio Corazza ha annunciato le nomine di otto nuovi parroci in Diocesi.

Le nomine sono state comunicate domenica 14 giugno, durante le messe festive, nelle parrocchie interessate ai cambiamenti.

Don Davide Bruschini lascia la parrocchia di Premilcuore per quelle di Bertinoro, Massa, Lizzano e Polenta succedendo a don Emanuele Lorusso che diventa vicario parrocchiale a San Benedetto Abate, in via Gorizia a Forlì.

Don Carlo Guardigli lascia San Giuseppe Artigiano e diventa parroco dell’unità pastorale di San Paolo-Cappuccinini succedendo a don Gabriele Pirini che va a guidare la parrocchia della Madonna del Lago.

Tre cappellani diventano parroci per la prima volta: don Germano Pagliarani dall’unità pastorale del Ronco va a San Giuseppe Artigiano, don Fabio Castagnoli da Meldola va a San Pietro in Trento, Coccolia e Filetto, mentre don Massimo Tumini, dalla Cava, sale a Premilcuore.

Don Pawel Szymusiak, attualmente parroco a San Pietro in Trento, Coccolia e Filetto andrà ora a guidare l’unità pastorale di Civitella, Galeata, Cusercoli, Voltre, Nespoli e Sant’Ellero al posto di don Massimo Bonetti che diventa parroco di Predappio, Predappio Alta, San Cassiano e San Savino e amministratore parrocchiale di Montemaggiore e Santa Lucia in Bussano, succedendo a don Urbano Tedaldi, per ora in attesa di nomina.

“Ringrazio di cuore i sacerdoti per la disponibilità e la fiducia che hanno manifestato nell’assumere queste nuove responsabilità – dichiara mons. Corazza – sono certo che troveranno comunità accoglienti e pronte a sostenerli nel loro compito di guide e padri di tutte le persone loro affidate. Il tempo dell’emergenza del coronavirus ci ha insegnato che è necessario tornare all’essenziale anche per far ripartire la vita delle nostre comunità, offrendo il nostro contributo per il rinnovamento missionario della Chiesa. Con questo spirito i nuovi parroci e tutti noi viviamo questo ulteriore passo del cammino chiedendo che sia sempre via di speranza”.

I sacerdoti nominati decideranno assieme al Vescovo e alle loro nuove comunità la data degli ingressi in parrocchia che avverranno nei mesi di settembre e ottobre.