Allo Sport City al via una serie di attività dedicate alla prevenzione e alle arti marziali

FORLI’ – I dati sono sconfortanti: sempre più donne in Italia sono soggette a vessazioni e violenze. Da gennaio a giugno 2018 sono state 4mila 664 le segnalazioni arrivate al “numero rosa” istituito dal Dipartimento per le Pari opportunità per denunciare gli abusi. Il numero è ancora più inquietante se confrontato con quello dell’intero 2017 dove i contatti sono arrivati a 6 mila e 500. In pratica in sei mesi si sono raggiunti i valori dei 12 mesi precedenti.

L’aumento significativo delle segnalazioni, tuttavia, non è da interpretare solo negativamente, anzi dimostra come sia aumentata anche la capacità delle donne di reagire, un segnale positivo in una battaglia quotidiana che da nord a sud del paese coinvolge casalinghe, pensionate, lavoratrici, mamme, studentesse.

Le violenze si consumano spesso tra le mura domestiche ma fuori dall’uscio di casa la situazione non è di certo migliore: stalkingaggressionitentate violenze fisiche e sessuali sono casi sempre più prequenti e difendersi e saper cogliere con attenzione eventuali segnali di pericolo diventa oggi quanto mai essenziale.

Con questo obiettivo a Forlì è stato promosso il primo seminario di Woman Empowered  per la difesa personale tutta al femminile. Si terrà sabato 6 ottobre dalle ore 15 alle 17 all’interno del City Sport, la cittadella dello sport (in via Grigioni 1), gestita da Libertas.

L’appuntamento è organizzato dalla DSA (Defence System Academy) di Forlì-Cesena, che tra le sue attività è anche Centro Certificato Gracie Jiu-Jitsu e la partecipazione sarà completamente gratuita per tutte le donne che si iscriveranno attraverso il numero whatsapp 3479131340 o via mail, scrivendo all’indirizzo [email protected]

Non è richiesto alcun tipo di esperienza e nessuna prestanza fisica particolare. L’età minima per partecipare è tredici anni e per le minorenni è richiesta la presenza di un genitore, mentre non c’è limite massimo di età.  Nel corso dell’incontro si affronteranno temi utilissimi e verranno forniti consigli pratici  per imparare ad interpetare eventuali segnali di pericolo. L’obiettivo del corso è proprio quello di insegnare a reagire alle forme di aggressioni più comuni  mettendo in pratica tecniche specifiche come prese e leve articolari.

Il seminario, dal canto suo, mira a evidenziare quali siano gli atteggiamenti, i comportamenti corretti per tenersi a debita distanza da situazioni di pericolo. Con dimostrazioni pratiche si tenterà di trasferire concetti indispensabili a ridurre la probabilità di divenire vittima, perché le vittime nella maggior parte dei casi sono scelte in base alle loro distrazioni o debolezze visibili. Woman Empowered  è dunque un’occasione imperdibile per sentirsi più sicure, più protette, più serene.

 

A condurre l’incontro e gestire le attività pratiche, come le simulazioni, Francesco Mazzanti  Istruttore professionale nelle arti marziali e tecniche di difesa personali e Silvia Ricci Assistente Istruttore