Incontro a cura del Lions Club aperto a genitori e insegnanti con il Soprintendente della Polizia di Stato Urico Baldari

Il Lions Club Forlì Host, proseguendo un’attività già avviata in passato, organizza per venerdì 27 aprile 2018, alle ore 17.30, presso i locali del plesso scolastico “Pietro Zangheri”, via Ribolle 47, Forlì, un incontro aperto a tutti i docenti delle scuole medie, così come ai genitori, su: “Responsabilità di fronte alla legge dei genitori e del minore per suoi comportamenti aggressivi e violenti tenuti in ambito scolastico: obblighi di vigilanza e di intervento in carico ai docenti per quanto accade all’interno delle scuole”. A relazionare sull’argomento sarà Urico Baldari, Soprintendente della Polizia di Stato, docente in numerosi corsi di informatica forense ed esperto di “investigazioni e computer forensics”. 

 

L’iniziativa, promossa in collaborazione con i dirigenti degli Istituti Comprensivi cittadini, sarà coordinata da Claudio Sirri, consigliere del Lions Club Forlì Host. 

Le cronache degli ultime settimane hanno registrato gravi episodi commessi da giovani bulli all’interno di alcune scuole, aggravati dal fatto che le immagini delle loro bravate, prontamente messe in rete, hanno raccolto visualizzazioni da far invidia ai migliori professionisti della produzione di filmati. Autorevoli esperti hanno evidenziato come oggi la scuola sia rimasto l’unico e ultimo grande contenitore di tutte le problematiche adolescenziali e giovanili. Prima esistevano i cortili, le piazze, le strade, gli oratori. Ora i ragazzi sempre più si ritrovano fisicamente, in gruppo, soltanto a scuola, a meno che non partecipino ad attività collettive dopo la scuola come quelle sportive, o aggregative di carattere sociale, ancora capaci di attirare il loro interesse. In genere però soltanto a scuola confluiscono tutti i conflitti dell’adolescenza con le conseguenze a cui stiamo assistendo da tempo, aggravate dal fatto che i ragazzi sono vittime del diffondersi delle tecnologie che annullano la capacità di creare rapporti reali tra le persone ed esalta l’individualismo.