Iniziativa per sensibilizzare sull’importanza della diagnosi precoce e dei corretti stili di vita

Sabato 24 febbraio al Centro Commerciale Puntadiferro si svolgerà il “Diabete Day”, l’iniziativa di prevenzione promossa per sensibilizzare sull’importanza della diagnosi precoce e dei corretti stili di vita. Durante l’intera giornata si potrà compilare il questionario Tuomilehto, riconosciuto a livello internazionale, composto da otto domande su parametri fisici, anagrafici, genetici e ad abitudini alimentari. Ad ogni risposta corrisponde un punteggio e il risultato finale permette di valutare le probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 nell’arco dei prossimi dieci anni. Più è alto il punteggio più è elevata la possibilità di ammalarsi. Continua così l’impegno del Rotary nella lotta alle malattie e nella promozione dei corretti stili di vita come parte importante della prevenzione. Febbraio è il mese dedicato all’indagine sul diabete a livello distrettuale, come ricorda anche Maurizio Marcialis, governatore del Distretto 2072, che afferma: «Una persona su tre colpite da diabete non sa di averlo e ci sono 3,2 milioni di ammalati in Italia (dati 2016), il 5,3% della popolazione (il 16,5% degli over 65). È chiaro, quindi, quanto sia importante prevenire ed individuare per tempo questa problematica per poter applicare le cure migliori e consigliare gli stili di vita più appropriati».

 

Il “Diabete Day” è organizzato dal Rotary Club Forlì, guidato da Mario Fedriga, in collaborazione con Rotaract e Diabete Romagna e rientra nelle varie iniziative promosse sul territorio per celebrare il compleanno del Rotary International, fondato da Paul Harris a Chicago il 23 febbraio 1905. Tra i service rotariani c’è anche l’impegno nella lotta alla poliomielite nel mondo attraverso la campagna internazionale “End Polio Now”, per sostenere la quale venerdì 23 febbraio alle 20.30 nell’abbazia di San Mercuriale si svolgerà l’evento musicale di beneficenza, aperto alla città, “Gli artisti di Forlì in concerto… contro la polio” con la partecipazione del soprano Wilma Vernocchi, di talenti di fama internazionale e dei giovani dell’Orchestra dell’Istituto Masini.