“La capacità di fare ricerca è centrale per affrontare le sfide poste dalla crescente complessità del mondo contemporaneo”

Alla presenza del Rettore dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e delle autorità cittadine, sono stati presentati i tre corsi di dottorato di ricerca che, da quest’anno, sono ospitati presso il Campus di Forlì. L’evento si è concluso con la Lectio Magistralis “Big Data Science: la fine della Teoria nella Scienza del XXI secolo?” del Chiarissimo professor Sauro Succi – Dirigente di Ricerca presso l’Istituto di Applicazioni del Calcolo (IAC) – CNR Roma.

I dottorati presenti a Forlì sono i seguenti:

Il dottorato di ricerca in Sociologia e Ricerca sociale, coordinato dal Prof. Antonio Francesco Maturo, afferente al Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia, è l’unico attivato in Emilia Romagna su queste tematiche. Destinato alla formazione di studiosi e professionisti di elevata qualità scientifica e in grado di esercitare qualificate attività di analisi e ricerca teorica ed empirica presso Università, enti pubblici, soggetti privati e del terzo settore.

Il dottorato di ricerca in Scienze Politiche e Sociali, coordinato dalla Prof.ssa Daniela Giannetti, afferente al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, intende preparare gli studenti alla carriera accademica, a professioni altamente qualificate all’interno di organizzazioni pubbliche e private, nazionali e internazionali, o a percorsi di autonomo sviluppo di capacità imprenditoriali in tutti quei contesti in cui si richiedano padronanza di strumenti avanzati di analisi dei fenomeni politici e sociali e capacità progettuali.

Il dottorato di ricerca in Traduzione, Interpretazione e Interculturalità, coordinato dalla Prof.ssa Raffaella Baccolini, afferente al Dipartimento di Interpretazione e Traduzione, forma professionisti negli ambiti della traduzione e dell’interpretazione preparando esperti che possano operare nel mondo editoriale, nell’insegnamento universitario piuttosto che in enti di ricerca nazionali e internazionali.

“La capacità di fare ricerca è centrale per affrontare le sfide poste dalla crescente complessità del mondo contemporaneo” ha affermato il presidente del Campus di Forlì professor Felix San Vicente, che illustra come il Campus offra un servizio di Scuola raggruppando, in modo funzionale, risorse logistiche, amministrative e ambientali per permettere alle dottorande e ai dottorandi di ricevere un’adeguata formazione interdisciplinare e capacità operative professionalizzanti”.
 

“L’avvio di questi nuovi corsi di dottorato conferma la vitalità e la costante crescita del Campus forlivese – ha sostenuto Roberto Pinza, Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, che ha ampliato il proprio sostegno anche a questo nuovo impegno dell’Università finanziando una delle borse di studio – una crescita dell’offerta formativa che si rivolge, tra l’altro, al segmento più alto della formazione, quello post-laurea dei dottorati di ricerca, confermando quindi, nel contempo, anche l’altissima qualità espressa dai corsi che si tengono in città. E dimostrando, infine, come Forlì possa e meriti di ospitare una proposta di corsi ancora più ampia”.