A CavaRei lo scambio degli auguri del parlamentare romagnolo nel ricordo dei sindaci Zanniboni e Rusticali

“Grazie a chi mi ha seguito, stimolato, criticato, sostenuto e stimolato durante questi cinque anni di lavoro. Si chiude un ciclo, ma non la determinazione a continuare a portare avanti un impegno politico basato sulla concretezza, sul rapporto con il territorio, sulla passione civile”. Con queste parole il deputato Marco Di Maio ha rivolto gli auguri natalizi durante lo scambio di auguri con le persone che ne seguono l’attività tramite newsletter, social network, iniziative pubbliche. 

Un’occasione di incontro informale nel contesto di CavaRei, un luogo simbolo della socialità e del confronto e dunque particolarmente giusto per riunire qualche centinaio di persone per l’ultimo saluto prima della fine dell’anno. “Nei prossimi giorni – ha detto – cercheremo di chiudere alcune partite importanti che riguardano altri finanziamenti e progetti per Forlì ed altri Comuni: finché ne abbiamo possibilità, proviamo a portare a casa risultati che saranno patrimonio di tutti”. 

Poi la pausa per le festività e dopo l’Epifania la ripresa. “Ci aspetta un 2018 che partirà subito in quarta con le elezioni alle porte, probabilmente ai primi di marzo – ha detto il parlamentare – e saremo impegnati fin dall’inizio per comunicare ciò che è stato fatto in questi cinque anni grazie al rapporto tra il territorio e il parlamento; ma soprattutto per raccogliere idee e spunti per i prossimi cinque anni. La nuova legge elettorale ristabilisce, attraverso i collegi, un legame diretto tra territorio ed eletti, permettendo di votare direttamente la persona prima ancora che i partiti, i movimenti o le coalizioni: ci rivolgeremo, quindi, a tutti quelli che, indipendentemente dal pensiero politico, vogliono vedere il proprio territorio rappresentato con concretezza, serietà, costanza e in maniera costruttiva“. 

Nel corso della serata, sono stati ricordati anche due uomini fondamentale per la storia di Forlì, come Giorgio Zanniboni e Franco Rusticali, i due ex sindaci scomparsi nello stesso giorno (22 dicembre) del 2011 e 2015. E poi un pensiero all’ex senatore Stelio De Carolis, poche ore prima deceduto in un incidente stradale: “Un uomo forte, vivace e ostinato che ha saputo essere punto di riferimento per tanti – ha detto il parlamentare -. Un abbraccio ai tre figli, in particolare Antonio, e alla moglie Vittoria. Sono certo che Meldola e la Romagna sapranno ricordarlo come merita”.