“Forse sarebbe meglio tornare a votare”

I Repubblicani chiedono al sindaco Drei un passo indietro, a lui e alla sua giunta.

Non solo per “le recenti vicende di Livia Tellus, della gestione del verde pubblico e della piscina comunale, ma per il complessivo cattivo governo della città”.

“Forlì – affermano i Repubblicani forlivesi – appare oggi una città stanca e depressa in ogni suo ambito, una città priva di prospettive certe, con forti potenzialità inespresse: un centro storico abbandonato, dal tramonto deserto ed insicuro, con negozi chiusi, vetrine fatiscenti, orribili impalcature, una viabilità caotica con una segnaletica insufficiente e talora assente.“

E ancora: “I dissidi in casa Pd indeboliscono giorno per giorno il sindaco, a cui non è bastato un inutile ed approssimativo rimpasto per rilanciare la sua giunta e la sua attività, ferma ancora alla fase progettuale, all’ordinaria amministrazione, priva di quello slancio politico in grado di dare risposte serie e concrete  all’imprenditoria, alla sanità, al commercio, all’edilizia scolastica,alla cultura: altro che  la “città europea” ipotizzata negli anni novanta, oggi il “cittadone” è più provinciale che mai. Forse sarebbe meglio tornare a votare.”