“Chi amministra deve trovare risposte concrete per mantenere alto il livello dei servizi, senza cedere alla tentazione di privatizzare”

Dopo le polemiche dei gionri scorsi tra l’ex sindaco di Forlì Roberto Balzani, l’attuale sindaco Davide Drei, il presidente di Livia Tellus Gianfranco Marzocchi e il deputato Marco Di Maio, la segretaria del Pd forlivese Valentina Ancarani entra nel merito del dibattito di questi giorni sulle farmacie comunali e prova a riportare l’ordine.

Scrive: “Sulla vicenda relativa alla presunta vendita delle Farmacie Comunali, si è scatenato un dibattito che ha travalicato i toni del corretto e rispettoso scambio di opinioni, cosa che non deve mai avvenire, specie tra chi riveste ruoli pubblici ed istituzionali. Vorrei però riprendere il merito della vicenda, provando a chiarire un concetto. Le farmacie comunali sono un patrimonio pubblico, umano ed economico che, senza dubbio, va salvaguardato.

Oggi giorno, a fronte delle difficoltà che inevitabilmente il servizio pubblico deve fronteggiare, è chiaro a tutti che chi amministra debba trovare risposte concrete e innovative per mantenere alto il livello dei servizi, nonostante l’aumento dei bisogni e le diminuzione delle risorse.

Non per questo, tuttavia, occorre cedere alla facile tentazione di privatizzare, dismettendo pezzi importanti di patrimonio pubblico.

Pertanto, non possiamo che accogliere con favore quanto dichiarato dal sindaco Drei in Consiglio Comunale, ove ha chiarito che non esistono trattative che interessano le Farmacie Comunali.”