Aperte le iscrizioni della scuola fondata da Enrico Letta. Ci sarà anche Romano Prodi

Tornerà a Cesenatico dal 14 al 17 settembre la Summer School organizzata dalla Scuola di Politiche fondata nel 2015 da Enrico Letta e diretta da Marco Meloni.
Le novità sono state annunciate direttamente da Enrico Letta, approdato in riviera due sere fa per presentare il suo ultimo libro “Contro venti e maree. Idee sull’Europa e sull’Italia”. Quale occasione migliore per ricordare ai giovani, potenziali dirigenti della classe politica di domani, una opportunità che potrebbe cambiare il loro futuro e con il loro, anche quello delle generazioni e delle comunità a venire.

Le iscrizioni alla Summer School saranno aperte dalla metà del prossimo mese di giugno. La call riguarda i ragazzi tra i 18 e 28 anni; i selezionati incontreranno importanti esperti del mondo istituzionale, imprenditoriale, accademico e dell’informazione per affrontare i temi al centro dell’agenda italiana ed europea.

La Summer School, patrocinata anche per questa seconda edizione dal Comune di Cesenatico, rappresenta l’evento di punta della Scuola di Politiche (SdP) nata nel 2015 dall’idea di Enrico Letta con l’obiettivo di offrire una possibilità di formazione a giovani di talento. Ad animare la Summer School 2017 ci saranno sia gli studenti ammessi al corso annuale (tra poco saranno aperte le candidature per il Corso 2018), sia quanti – selezionati a seguito di candidatura – decideranno di frequentare solo l’evento estivo della Scuola.
 

Nulla da stupirsi se, girovagando per le vie di Cesenatico, non sarà possibile riconoscere di primo acchito gli organizzatori dell’evento che coinvolge circa 350 persone tra partecipanti e relatori. Alla SdP infatti lavorano come teamwork giovanissimi e professionisti provenienti dall’alta dirigenza pubblica e privata che dismettono i loro abiti formali e partecipano alla quattro-giorni spinti dallo spirito volontaristico di insegnare quello che fanno ogni giorno.

“Lavorare a stretto contatto con giovani di grande passione e talento – afferma il direttore Marco Meloni – consente di guardare agli avvenimenti di questa fase così tumultuosa della storia dal loro punto di vista, decisamente più entusiasta e ottimista di quanto ci si potrebbe attendere. Dunque durante la Summer School di Cesenatico ci confronteremo sulle difficoltà del tempo presente, sulle sfide in corso nelle nostre società e nelle nostre democrazie, ma anche sulle vie d’uscita, con un messaggio di fiducia per il futuro.”

Il metodo prescelto è quello del learning by doing, uno dei caposaldi della vision della SdP e della sua Summer School. Modalità di formazione multiformi consentiranno di alternare momenti frontali, come lezioni e conferenze, e momenti di confronto informale, dove si procederà per suggestioni e accostamenti di idee.

In quattro giorni i partecipanti avranno la straordinaria opportunità di ascoltare da vicino e di confrontarsi direttamente con alcuni tra i protagonisti più preparati e capaci della scena italiana ed europea. Il programma, che sarà annunciato a breve, prevede l’apertura dei lavori con Enrico Letta e la chiusura con Romano Prodi.

La Summer School sarà anche l’occasione per un simbolico passaggio di testimone tra gli studenti del corso 2016/17 e gli ammessi al Corso 2018, per i quali la Scuola inizierà ufficialmente a ottobre. Anche quest’anno l’obiettivo sarà quello di accrescere le competenze dei 100 giovani ad alto potenziale, migliorandone la capacità di reagire ai mutamenti con consapevolezza e di essere attori di innovazione nella vita professionale, civile e politica. Giovani, tra i 18 e i 26 anni, con una forte passione, pronti a dedicare parte del loro tempo alla vita pubblica e istituzionale con competenza e rigore etico.

 

Nella fotografia di Francesco Pierantoni la consegna degli attestati al termine dei quattro giorni della Summer School 2016. Al centro Enrico Letta con il direttore della Summer School Marco Meloni e la coordinatrice Elisabetta Calise.