Al Teatro Diego Fabbri saliranno sul palco le soprano Luisa Tambaro e Alessandra Gioia e il tenore Pietro Picone

Saranno le arie della “Turandot” di Puccini a fare da sigla alla vernice della mostra “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia”, promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, in collaborazione con l’Amministrazione comunale,  ai Musei San Domenico di Forlì dall’11 febbraio al 18 giugno. Prima del saluto delle autorità locali e nazionali e della presentazione dei curatori, infatti, il teatro Diego Fabbri vedrà salire sul palco venerdì 10 febbraio alle 17 le soprano Luisa Tambaro e Alessandra Gioia e il tenore Pietro Picone che, diretti ed accompagnati al pianoforte da Costantino Petridis, daranno voce all’opera pucciniana e, più nello specifico, alle arie: “Signore ascolta” (Luisa Tambaro), “Non piangere Liù” (Pietro Picone), “In questa reggia” (Alessandra Gioia), “Nessun dorma” (Pietro Picone) “Tu che di gel sei cinta” (Luisa Tambaro).

Né poteva scegliersi diversamente, visto che proprio alla celeberrima litografia a colori di Turandot, realizzata da Leopoldo Metlicovitz per il debutto dell’opera nel 1926 e conservata negli Archivi Storici Ricordi, la Fondazione ha affidato il compito di fare da immagine guida della mostra.