Ogni anno in Italia si scoprono 15 mila nuovi casi di carcinoma tiroideo

Domani, sabato 21 gennaio, dalle 8.30 alle 13.30, al Primus Forlì Medical Center si terrà l’Open Day dedicato all’Endocrinologia. Porte aperte a quanti vorranno sottoporsi ad accertamenti mirati, utili alla prevenzione e al riconoscimento di “sintomi” ed “alterazioni”di tiroide, paratiroidi, surreni. Dati alla mano l’incidenza di patologie tiroidee è in crescita. Questo risultato tuttavia non deve allarmare: gli strumenti e le metodologie diagnostiche odierne, permettono infatti un’identificazione precisa e precoce consentendo, in questo modo, di intervenire in maniera efficace e tempestiva.

 

Secondo le stime ogni anno in Italia si registrano 15 mila nuovi malati di carcinoma tiroideo e I fattori di rischio più accreditati dalla comunità medica si sintetizzano nella maggior parte in pregresse esposizioni a radiazioni ionizzanti; familiarità per neoplasia tiroidea; mutazioni genetiche che si trasmettono tramite il DNA di generazione in generazione.

Nonostante questo nella maggioranza dei casi l’insorgenza di carcinoma tiroideo è un evento non prevedibile e non associato a cause certe.

 

In soli 30 minuti di visita chiunque potrà accedere ad una visita specialistica (a tariffa agevolata) in occasione dell’Open Day. Sarà sufficiente chiamare lo 0543 804311 oppure mandare una mail all’indirizzo [email protected] per prenotare uno screening. Sempre per l’occasione il Primus Forlì Medical Center metterà a disposizione dei pazienti tutte le competenze terapeutiche e le conoscenze scientifiche acquisite nello studio delle principali endocrinopatie e delle malattie del metabolismo, grazie anche alla presenza della Dottoressa Laura Valerio, specialista in Endocrinologia dell’Università di Pisa.