Un incontro promosso da CDO Romagna e “La Bottega dell’Orefice”

E’ possibile dialogare sul referendum del 4 dicembre andando “oltre la logica del disimpegno e dello schieramento”? E’ pensabile riuscire a confrontarsi nel merito della riforma costituzionale e delle sue ripercussioni politiche senza scivolare nelle sterili contrapposizioni ideologiche che caratterizzano il dibattito politico quotidiano? E’ quanto intendono fare CDO Romagna (Compagnia delle Opere) e Centro Culturale “La Bottega dell’Orefice” che hanno promosso l’incontro pubblico dal titolo “Dialogo sul referendum. Oltre la logica del disimpegno e dello schieramento” in programma lunedì 21 novembre alle ore 21 al Teatro “Giovanni Testori” di Forlì (viale Vespucci, 13). Obiettivo dell’iniziativa, favorire un approfondimento sui contenuti della riforma costituzionale, lontano da logiche partitiche e personalistiche, così da fornire a tutti gli interessati un contributo per esprimere un voto con responsabilità.

 

Interverranno Paolo Tosoni, avvocato e docente alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Forensi dell’Università di Milano, e Alfredo Mantovano, magistrato ed ex sottosegretario, vicepresidente del Centro Studi Livatino. 

Senza una società civile viva e attiva, la politica è più povera – dichiara Carlo Battistini, presidente CDO Romagna -. Per questo vogliamo aiutare le persone a essere più consapevoli e responsabili di fronte al referendum costituzionale, cercando di entrare nel merito della riforma e superando le sterili contrapposizioni”.

Nonostante il clima di disinteresse e sfiducia in cui siamo immersi, l’idea di organizzare questo incontro è nata dal desiderio di approfondire i temi posti dal referendum – aggiunge Enrico Locatelli, presidente del Centro Culturale “La Bottega dell’Orefrice” -. Al di là degli schieramenti politici e ideologici in campo, vogliamo proporre un momento di dialogo reale e aperto al contributo di tutti, sulla scia di quanto indicato dal Presidente Mattarella al 70° anniversario della Repubblica, quando ha ricordato che il bisogno più grande dell’Italia oggi è quello di recuperare interamente il senso del vivere insieme”.

 

Per informazioni: www.cdoromagna.it