ROCCA SAN CASCIANO. “Le vite di queste persone sono state stravolte in una notte. Noi vogliamo dimostrare la nostra vicinanza con questo piccolo gesto, in modo che si sentano meno sole e più fiduciose verso il futuro” ha spiegato Antonella Ricci, presidente della Pro Loco di Rocca San Casciano. 
Il menù comprende pasta all’amatriciana, arrosto di lombo di maiale e arista con patate al forno, ciambella e acqua al costo di 15 euro. Il ricavato della giornata verrà devoluto sul conto corrente per la ricostruzione del Comune di Amatrice. 
“Ringrazio il gruppo dei giovani capitanati da Luca Mini, che da subito si sono messi a disposizione per allestire il Foro Boario, sede del pranzo, e gli Alpini, che si diletteranno nel cucinare il sugo all’amatriciana. – prosegue Ricci – Attendiamo circa 300 persone per una vera e propria gara di solidarietà”. 
“Esprimo vicinanza alle popolazioni terremotate e ringrazio i promotori del pranzo per l’impegno profuso. – ha affermato Rosaria Tassinari, Sindaco di Rocca San Casciano – Le persone che vivono in Appennino sono accomunate dal rischio sismico, ma anche dall’attaccamento e dall’amore per il territorio. Questa analogia ci fa sentire ancora più vicini a queste coraggiose popolazioni”. 
Non si può mancare dunque: appuntamento alle ore 12, domenica4 settembre, al Foro Boario di Rocca San Casciano.

 

Ufficio Stampa PromoRocca